Roma, transessuale trovata morta in strada: l’autopsia chiarirà le cause del decesso

Saranno decisive l'autopsia e l'analisi delle telecamere della zona a due passi dallo Stadio Olimpico

truffe anziani polizia carabinieri
Foto di repertorio

Morte misteriosa a Roma Nord, a due passi dallo Stadio Olimpico, a Piazza Antonio Mancini. Qui è stata trovata morta in strada una transessuale colombiana di 41 anni, con ancora addosso tutti i suoi effetti personali, portafoglio, cellulare e documenti. Questo particolare ha reso facilmente individuabile l’identità della trans che era stata diverse volte segnalata alle autorità perché irregolarmente presente sul territorio nazionale ed era una senza fissa dimora.

Saranno decisive l’autopsia e l’analisi delle telecamere della zona a due passi dallo Stadio Olimpico

La segnalazione come spesso accade è stata data da un passante che verso le 2 di mercoledì 20 ha notato il corpo senza vita della transessuale ai bordi della piazza, facendo scattare la macchina dei soccorsi dell’Ares 118 e l’intervento dei carabinieri.

Si vagliano tutte le piste, ma a quanto pare non sembrerebbe né un’aggressione né una rapina ma allo stato attuale nulla si può escludere e risulterà decisiva l’autopsia sulla salma della sudamericana.

Sul posto per quanto di loro competenza anche i carabinieri del nucleo investigativo di via in Selci e quelli di via Trionfale.

Le prime risultanze del medico legale non hanno ravvisato alcuna ferita ma tra le ipotesi al vaglio c’è anche quella di una morte per overdose, cosa che genererebbe una inchiesta conseguente per morte derivante da altro reato.

Adesso le forze dell’ordine hanno preso in consegna le immagini di sorveglianza delle telecamere presenti in Piazza Mancini per poterle analizzare al meglio  e capire cosa sia successo.

canaledieci.it è su Google News:
per essere sempre aggiornato sulle nostre notizie clicca su questo link digita la stellina in alto a destra per seguire la fonte.

Roma, lite al Pigneto a colpi di cocci di bottiglia: trans finisce al pronto soccorso