Tivoli, nuova scossa di terremoto alle porte di Roma

Nuova scossa di terremoto alle porte di Roma: la terra ha tremato di nuovo qualche minuto prima delle cinque di oggi. Potrebbe trattarsi di uno sciame sismico

terremoto

Terremoto alle porte di Roma. La terra è tornata a tremare tra Tivoli e la Valle dell’Aniene. Una scossa è stata avvertita oggi, 15 aprile, alle 16.54 in tutta l’area tiburtina a partire dal piccolo borgo di Ciciliano dove da ottobre sono state registrate sei scosse di terremoto.

Nuova scossa di terremoto alle porte di Roma: la terra è tornata a tremare di nuovo oggi. Si tratta di uno sciame sismico con epicentro a Ciciliano

Si tratta dello stesso sciame sismico. Stavolta – secondo quanto accertato dall’Istituto nazionale di geofisica e vulcanologia – il terremoto ha toccato il 2,7 di magnitudo.

L’ultima scossa avvertita in maniera forte dalla popolazione risale a pochi giorni fa, l’11 aprile (leggi qui). La scossa in base ai sismografi si era attestata sui 3,4 di magnitudo. 

Scosse anche a Pozzuoli

Una scossa di terremoto dovuta al bradisismo in atto nell’area flegrea è stata registrata anche a Pozzuoli. L’evento alle 5,11 di magnitudo 1.8 della scala Richter alla profondità di 2.800 metri circa è stato preceduto da un forte boato ed ha avuto come epicentro l’area a sud del cratere Cigliano.

Il sisma è stato avvertito dalla popolazione, soprattutto di Pozzuoli alta. L’ultimo evento superiore a magnitudo 1 era stato registrato una settimana fa, con epicentro in mare. All’evento principale sono seguite una serie di scosse di minore intensità sull’asse Solfatara – Agnano Pisciarelli.

A Pozzuoli come nell’area tiburtina non sono stati registrati danni.

canaledieci.it è su Google News:
per essere sempre aggiornato sulle nostre notizie clicca su questo link e digita la stellina in alto a destra per seguire la fonte.

Terremoto nel Centro Italia: scossa alle porte di Roma