Piazza Dante, aggredisce i carabinieri con una lama di 12 centimetri: arrestato e liberato

violentato coltello

Hanno rischiato di essere accoltellati con una lama di 12 centimetri, un’arma che poteva uccidere, l’altra mattinata tre carabinieri della stazione Roma Piazza Dante mentre prestavano assistenza a volontari e sanitari della Caritas e del 118, impegnati nel soccorso di un clochard colto da malore nella zona di piazza dei Cinquecento.

A estrarre la lama contro i carabinieri impegnati nell’assistenza di un clochard, un tunisino senza fissa dimora: aveva in tasca anche un taglierino e delle forbici

Un uomo, un cittadino tunisino di 36 anni, anche lui senza fissa dimora, si è avvicinato furtivamente a uno dei militari estraendo l’arma, un coltello con una lama lunga dodici centimetri.

Con non poca difficoltà i militari alla fine riusciti a disarmare lo straniero. Durante la perquisizione i carabinieri gli hanno poi trovato in tasca anche un taglierino e un paio di forbici. D’intesa con la Procura della Repubblica, nei suoi confronti è scattato l’arresto con le accuse di minaccia aggravata, resistenza a pubblico ufficiale e possesso ingiustificato di armi improprie.

Portato a piazzale Clodio per l’udienza di convalida per il cittadino il giudice ha disposto la conferma dell’arresto ma con la contestuale e immediata scarcerazione. Il senza fissa dimora in compenso è stato sottoposto alla misura dell’obbligo di presentazione alla polizia giudiziaria. Almeno fino alla data di apertura del processo.

canaledieci.it è su Google News:
per essere sempre aggiornato sulle nostre notizie clicca su questo link digita la stellina in alto a destra per seguire la fonte.

Castro Pretorio, parroco preso a schiaffi durante la messa: perdona e non la denuncia