Roma, fanno il saluto romano alla manifestazione per Acca Larentia: 14 denunciati

Le indagini della polizia portano ad altri 14 denunciati per aver fatto il saluto romano durante la manifestazione di inizio gennaio

ROMA-DENUNCIATI-14-PERSONE-ACCA-LARENTIA-SALUTO-ROMANO-

Proseguono le indagini da parte della Polizia di Stato che ha identificato e denunciato altri quattordici soggetti per il saluto romano fatto in occasione della manifestazione commemorativa svoltasi il 7 gennaio scorso presso la ex sede dell’M.S.I. sita in via Acca Larenzia, a Roma Tuscolano.

Le indagini della polizia portano ad altri 14 denunciati per aver fatto il saluto romano durante la manifestazione di inizio gennaio

La digos ha individuato queste persone al termine degli ulteriori rilievi svolti della Questura di Roma, al termine di articolati approfondimenti investigativi, fatti tramite l’analisi delle numerosissime immagini realizzate dalla Polizia Scientifica nell’ immediatezza dei fatti in questione, mentre stavano avvenendo.

La polizia di Stato è dunque riuscita a risalire alle identità dei denunciati grazie a un lungo lavoro che ha visto cooperare tra loro vari reparti Digos delle Questure italiane, che hanno riconosciuto gli attivisti del movimento Casapound, quel giorno a Roma per partecipare alla manifestazione.

Tra gli ulteriori indagati, infatti, oltre a militanti romani, figurano persone provenienti da Avellino, Caserta, Napoli e Forlì-Cesena.

Proseguono senza sosta le indagini per risalire all’identità di altre persone che possano aver fatto in quella circostanza il saluto romano.

Ad oggi, in totale, dunque, sono 19 gli indagati dalla Polizia di Stato per aver fatto il saluto romano durante quella manifestazione politica.

In un precedente nostro articolo avevamo fatto un piccolo excursus storico sulla vicenda in questione: in via Acca Larentia, nel 1978 vennero uccisi Franco Bigonzetti, Francesco Ciavatta e Stefano Recchioni –  davanti alla sede del Msi a Roma, e questa manifestazione del gennaio scorso era finita sotto accusa per l’assetto da squadristi e col saluto romano dei manifestanti.

Al vaglio della procura la prima informativa della Digos per i fatti della commemorazione di Acca Larentia

La procura di Roma sta valutando se aprire un’inchiesta per apologia di fascismo, come indicato dagli investigatori.

Una prima informativa è stata trasmessa dalla Digos che attraverso l’analisi dei filmati ha individuato e denunciato, tra i tanti, le prime cinque persone che hanno fatto il saluto romano.

Se vuoi approfondire questi argomenti, clicca sulle parole chiave colorate in arancione e leggi gli articoli presenti e correlati, sul nostro sito d’informazione, Canaledieci.it.