Ostia, botte per un posto al parcheggio: si cercano testimoni

Lite senza esclusione di colpi, con una 45enne che ha la peggio, "rea" d'aver rubato il posteggio all'auto di un'altra donna

ARTENA-COMPAGNO-ARRESTATO-

La follia non si placa neanche a pochi giorni da Natale e ad Ostia, per un “presunto” parcheggio sottrattole sotto al naso, una donna è arrivata a picchiare e ferire un’altra signora di 45 anni, con tanto di morso alla mano, denunce reciproche e un’auto danneggiata.

Lite senza esclusione di colpi, con una 45enne che ha la peggio, “rea” d’aver rubato il posteggio all’auto di un’altra donna

Questo è accaduto giovedì scorso, 21 dicembre, a Piazza Quarto dei Mille, dove spesso trova posto uno dei mercati rionali più noti e grandi di Ostia e dove c’è stata l’aggressione ad una donna 45enne.

Una lite dai contorni furibondi, tanto che anche la macchina della vittima, rea di aver “rubato” il posteggio ad un’altra donna, è stata presa a calci e pugni, rigata e distrutta.

Il tutto era avvenuto poco prima delle 11 di questo giovedì prenatalizio, quando una donna si è trasformata in una “belva” che ha fatto riportare la peggio ad una signora polacca 45enne, costretta ad essere ricoverata in ospedale, con una decina di giorni di prognosi.

Dopo essersela vista brutta, Klara, useremo un nome di fantasia, ha deciso di rivolgersi all’avvocato Guido Pascucci, ostiense doc, che spiega quanto segue, al riguardo: ” Stiamo ricercando testimoni oculari ulteriori – sottolinea Pascucci – che possano riferire e testimoniare di quanto accaduto quel giorno, per supportare le dichiarazioni di Klara, contro quelle dell’altra parte in causa, dato che entrambe si sono denunciate a vicenda”.

Capelli tirati, offese, spinte, il morso alla mano e la macchina di Klara vandalizzata, tutto in pieno giorno, alla luce del  sole e in una zona di Ostia non certo disabitata e tutto per un parcheggio.

La signora polacca si ritrova ora con la macchina distrutta, ferita e sotto shock, ed è una donna che vive da anni ad Ostia.

In base alla prima ricostruzione dei fatti, con i carabinieri che hanno identificato entrambe le donne e denunciato la “bruta”, la malcapitata 45enne è arrivata in macchina a piazza Quarto dei Mille e notando un’altra vettura che stava uscendo da un posteggio, ci ha messo subito la sua e lì, dietro di lei, per sua sfortuna, c’era però anche l’auto di chi poi, quel posto, lo ha preteso con la forza bruta.

A quel punto la polacca di 45 anni ha cercato di spiegare all’altra donna le sue ragioni, fermando l’auto, scendendo e andando a parlarle, poi ha chiuso la sua macchina e se ne è andata.

In quell’istante, subito, ha avuto inizio il finimondo, dato che la “bruta” ha iniziato a spaccarle la macchina a mani nude, e la signora proveniente dall’Est Europa ha provato a farla smettere, tutto inutile, anzi.

Sono arrivati, come evidenziato dai primi risvolti investigativi, botte da orbi e morso ad una mano per lei: urla, calci, capelli strappati, conclusi dall’assalitrice da una fuga in piena regola nonostante ci fossero tante persone intente nelle compere di regali, alimentari e casalinghi, nella stessa piazza, con una lite senza esclusioni di colpi durata alcuni minuti.

Sanguinante e malconcia, così l’aggredita è stata trovata dai carabinieri arrivati a Piazza Quarto dei Mille, con le forze dell’ordine chiamate di gran carriera sul posto da alcuni passanti che hanno permesso alla 45enne di salvarsi la pelle, letteralmente malmenata.

Il risultato finale della “gazzarra urbana in questione” è stata quindi che la vittima ha denunciato la sua “carnefice” ed è stata a sua volta denunciata, dato che anche la donna che esigeva il parcheggio è stata visitata in ospedale e ora solo i carabinieri potranno stabilire l’esatta dinamica dell’accaduto.

Se vuoi approfondire questi argomenti, clicca sulle parole chiave colorate in arancione e leggi gli articoli presenti sul nostro sito Canaledieci.it