Albano, rapina a mano armata e colpo da 3mila euro alla farmacia: caccia al bandito

Rapina a volto coperto e a mano armata ad una farmacia di Pavona, frazione di Albano, con il bandito che sradica la cassa con i soldi all'interno e scappa

ALBANO-RAPINA-MANO-ARMATA-

A Pavona, hinterland del comune di Albano Laziale, ai Castelli Romani, un uomo ha aggredito e rapinato una farmacia brandendo una pistola e terrorizzando le farmaciste e i clienti presenti nel pieno dell’orario d’apertura con un bottino da svariate migliaia di euro.

Rapina a volto coperto e a mano armata ad una farmacia di Pavona, frazione di Albano, con il bandito che sradica la cassa con i soldi all’interno e scappa

In particolare l’assalto e la rapina a mano armata è stata fatta oggi, giovedì 23 novembre verso le 12, quando il malvivente poco prima di pranzo ha fatto irruzione armato nella farmacia di Pavona a volto coperto portando via dalla cassa 3mila euro in contanti minacciando le dipendenti e fuggendo via.

La farmacia colpita quest’oggi in tarda mattinata lo era già stato altre volte in passato ed è quella che si trova a Pavona in via del Mare 22, e alcuni clienti sono stati allontanati in malo modo dal criminale che li ha spaventati per poi farli fuggire nel panico e prendere la cassa di peso sradicandola da dove si trovava, con tutti i soldi all’interno.

Ora la rapina è analizzata sotto tutti i punti di vista dalla polizia di stato di Albano e Frascati, competente per zona, con gli agenti che hanno già acquisito i video delle telecamre di sicurezza e stanno cercando di capire particolari utili a risalire all’identità del bandito e quale percorso abbia fatto, soprattutto se abbia avuto qualcuno a fargli da palo e se sia scappato con qualche mezzo di trasporto.

Giusto ieri due persone sono state invece arrestate a Roma per aver rapinato il denaro contenuto nella cassa di una farmacia di via Andersen, nella Capitale, minacciando il medico in turno con una siringa piena di sangue, e il dipendente aveva in quel caso anche pensato che i due rapinatori scherzassero, dato che li conosceva ed erano clienti abituali di quell’esercizio, ma le “cattive intenzioni” della coppia era in quel caso più che reale.

Se vuoi approfondire questi argomenti, clicca sulle parole chiave colorate in arancione e leggi gli articoli presenti sul nostro sito d’informazione, Canaledieci.it, correlati a questo.