Treni della ferrovia Roma-Nord come carri bestiame: proposto il commissariamento della tratta

Ferrovia Roma-Nord, dalle stazioni periferiche un grido di aiuto sulle condizioni del servizio e la proposta di commissariamento della tratta. Giannini: "Comuni a nord di Roma hanno già approvato la mozione"

Roma: Metromare a mezzo servizio e ferrovia Roma-Nord in condizioni altrettanto disastrose, tra corse soppresse ogni giorno e convogli stracarichi. La situazione delle ex ferrovie concesse sembrava insostenibile con Atac, ma con il passaggio a Cotral, anche i pendolari della Roma-Nord hanno denunciato perfino un peggioramento.

A Castelnuovo di Porto, uno dei moltissimi comuni della provincia a nord di Roma, che subiscono la condizioni di inefficienza e incapacità di chi gestisce la tratta, è stata addirittura presentata una mozione, approvata all’unanimità da maggioranza e opposizione, per il commissariamento dell’opera. Iniziativa ripresa e riproposta, per arrivare nelle stanze del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti, dal consigliere regionale Lega, Giannini.

Ferrovia Roma-Nord, dalle stazioni periferiche un grido di aiuto sulle condizioni del servizio e la proposta di commissariamento della tratta. Giannini: “Comuni a nord di Roma hanno già approvato la mozione”

Dalla Capitale ed in particolare dalle stazioni periferiche della ferrovia Roma-Nord come Saxa Rubra e non solo, si solleva un grido di aiuto per le condizioni sempre più intollerabili del servizio.

Problemi che come per la Metromare (leggi qui) riguardano un’infinità di corse soppresse, e quando i treni passano lo fanno con convogli stracarichi come carri bestiame, effettuando si le fermate ma senza dare la possibilità ai pendolari di riuscire a salire a bordo.

Anche i viaggiatori di questa linea sono dunque esasperati e stravolti da tempo, costretti ad aspettare anche più di un’ora davanti ai binari – ora al freddo con l’inverno appena iniziato -, per riuscire a recarsi a scuola o a lavoro.

Centinaia di segnalazioni arrivano ogni giorno in Regione Lazio, raccolte una volta per tutte da dal consigliere regionale della Lega, Daniele Giannini che rileva una situazione che ha dell’incredibile e allo stesso tempo anche peggiorata con il passaggio di gestione da Atac a Cotral, e che si è fatto promotore della proposta di far commissariare la tratta.

Il Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti, dovrebbe dunque avocare a sé l’opera, viste l’incapacità prima di Roma Capitale e poi della Regione Lazio, di salvaguardare pendolari e personale di servizio.

A Salvini secondo quanto dichiarato dal consigliere, arriverà una proposta “Sulla falsariga di quanto sostenuto anche da moltissimi comuni della provincia a nord di Roma, come Castelnuovo di Porto, dove è stata addirittura presentata dalla Lega locale una mozione, approvata all’unanimità da maggioranza e opposizione, per il commissariamento della tratta”.

Una volta arrivata all’attenzione del Ministro Salvini, l’auspicio è la presa in carico della Roma-Viterbo: “La linea di collegamento  – prosegue il consigliere – è già più di una volta giunta alle prime posizioni tra le tratte peggiori del nostro Paese, pur essendo un mezzo di trasporto fondamentale e strategico, utilizzato ogni anno da centinaia di migliaia di persone”.

canaledieci.it è su Google News:
per essere sempre aggiornato sulle nostre notizie clicca su questo link digita la stellina in alto a destra per seguire la fonte.

Metromare si sveglia a servizio ridotto: corse cancellate e bus sostitutivi (VIDEO)