Roma, polacco soccorso per un malore. Ma doveva scontare una pena: arrestato

Il malore occorso al cittadino dell'est ha permesso ai carabinieri, dopo il ricovero in ospedale, di scoprire che l'uomo era un ricercato

Roma: questa notte, 12 dicembre, un cittadino polacco di 63 anni si è sentito male accusando forti dolori al petto mentre si trovava in piazza della stazione Tiburtina. Per questo motivo è stato subito soccorso dai Carabinieri della Stazione Roma Nomentana che, transitando in quel preciso istante nei pressi, lo hanno notato ansimante e dolorante a terra. Immediato il trasporto presso il pronto soccorso dell’ospedale Sandro Pertini.

Il malore occorso al cittadino dell’est ha permesso ai carabinieri, dopo il ricovero in ospedale, di scoprire che l’uomo era un ricercato

Dopo una serie di accertamenti l’uomo ha superato il malore ed è stato dimesso, ma è a questo punto, durante la sua identificazione da parte dei militari, che è scattato l’inghippo.

Durante il controllo del database, le forze dell’ordine hanno scoperto infatti che il cittadino dell’est era ricercato e sul suo capo pendeva un ordine di carcerazione emesso dalla Procura Generale presso la Corte d’Appello capitolina, emesso il 21 gennaio 2021.

L’uomo doveva ancora finire di scontare, infatti, una precedente pena residua pari a 7 mesi e 8 giorni di reclusione, oltre ad una multa di 400 euro, dovuta ad una tentata rapina in concorso commessa a Roma 12 anni fa, nel 2010.

Pertanto, conclusi gli accertamenti sanitari, gli operanti lo hanno arrestato in attestato e trattenuto in attesa di trasferirlo in prigione.

In un altro articolo di qualche mese fa, vi avevamo raccontato di un altro dettaglio che è stato fatale ed è costato l’arresto ad un violentatore seriale di anzio, tradito non da un malore ma dallo smodato uso dei social (leggi qui).

In quel caso, a fine ottobre, era finito ammanettato un uomo insospettabile e all’apparenza innocuo che è stato trovato dalle foto da lui postate sul suo profilo facebook.

Nei giorniiorni precedenti questo giovane, inviato messaggi volgari e minatori, prima di stuprare in strada una 30enne che stava andando a lavorare.

Dopo la denuncia della ragazza i carabinieri sono entrati in possesso delle fotografie del violentatore e lo hanno scoperto ed arrestato, ricostruendo il suo temibile stile criminale e tutte le donne da lui aggredite.

canaledieci.it è su Google News:
per essere sempre aggiornato sulle nostre notizie clicca su questo link digita la stellina in alto a destra per seguire la fonte.

Anzio: “È lui il violentatore seriale”. Tradito dai social