Pomezia, rapinano il tabaccaio a colpi di pistola ma…si dimenticano l’incasso

La rapina è avvenuta durante la pausa pranzo quando il titolare è stato aggredito da due malviventi

Pomezia: spettacolare rapina in via Pietro Nenni, con due uomini che, armati di quella che poi si è rivelata essere una rumorosa scacciacani, hanno aggredito il tabaccaio davanti alla sua attività di via Pietro Nenni, la tabaccheria “Vanità”.

La rapina è avvenuta durante la pausa pranzo quando il titolare è stato aggredito da due malviventi

I fatti: erano da poco passate le 13 di martedì 9 agosto quando il titolare aveva appena chiuso il suo locale per la pausa pranzo, momento in cui l’uomo è stato accerchiato da due malviventi a volto coperto e pistola in pugno.

A quel punto i rapinatori hanno aggredito il tabaccaio e gli hanno strappato di dosso il borsello che ritenevano potesse contenere l’incasso della mattinata e poi sono scappati, dopo una violenta colluttazione, dove, per dissuaderlo dal combattere, i criminali hanno anche esploso alcuni colpi in aria.

Spaventato, l’esercente ha mollato la presa sul suo effetto personale ed è stato ferito lievemente, riportando lesioni leggere al viso e alle braccia.

Dopo di che, a rapina terminata, i rapinatori sono rimasti dopo tutto questo bailamme con un palmo di naso, in quanto il borsello conteneva tutto tranne che denaro, visto che l’incasso era conservato in un posto sicuro all’interno della tabaccheria.

Pertanto, nonostante gli aggressori siano ricercati dai carabinieri della compagnia di Pomezia, per il tabaccaio solo un grosso spavento e qualche danno fisico, ma il peggio si può dire scampato, sfociando “solo” in un pomeriggio di ordinaria follia ed in qualche escoriazione, oltre a un borsello da dover ricomprare.

canaledieci.it è su Google News:
per essere sempre aggiornato sulle nostre notizie clicca su questo link digita la stellina in alto a destra per seguire la fonte.

Roma, fermati i presunti rapinatori delle tabaccherie: incastrati dagli indumenti