Prevenzione tumori all’utero, ecco dove e quando fare lo screening gratuito

Lo screening - ad accesso libero e gratuito - è organizzato dalla Asl Rm5 con base a Tivoli: tre le date di accesso e in vari Comuni

Screening citologico gratuito in tre date: 4, 11 e 18 giugno. Ad organizzare i tre Open Day per prevenire i tumori della cervice uterina la Asl Rm5, con base a Tivoli. Il servizio – ad accesso libero e gratuito – è rivolto a tutte le donne tra i 25 e i 64 anni.

Lo screening – ad accesso libero e gratuito – è organizzato dalla Asl Rm5: tre gli Open Day e in vari Comuni

Basterà recarsi in uno dei consultori del distretto per essere sottoposte al Pap test e l’Hpv test in maniera gratuita e senza prenotazione.

Possono utilizzare il servizio tutti gli assistiti della ASL Roma 5, compresi gli stranieri possessori di codice Stp o Eni (stranieri temporaneamente presenti).

Si potrà accedere ai consultori dalle 9 alle 13.

Ecco dove e quando: il 4 giugno al Consultorio di via dell’Aeronautica, 53/b, a Monterotondo; al Consultorio di piazza Massimo a Tivoli e in quello di via dei Castagni a Guidonia Montecelio.

L’11 giugno accesso al Consultorio di Porta San Martino, 38, a Palestrina e a Largo Oberdan a Colleferro.

L’Open Day sarà ripetuto il 18 giugno nei consultori di Subiaco e Olevano Romano rispettivamente a largo Mazzini e via San Francesco d’Assisi.

Si tratta di una iniziativa inserita all’interno del programma di screening della cervice uterina. In caso di adesione superiore alle aspettative le donne che non potranno effettuare il prelievo in quella giornata avranno la possibilità di prenotarsi concordando con gli stessi operatori presenti un’altra data.

La Asl Roma 5 mette a disposizione anche un numero verde a cui rivolgersi per ricevere chiarimenti: 800894549 (dal lunedì al venerdì 9-13, 14-17).

canaledieci.it è su Google News:
per essere sempre aggiornato sulle nostre notizie clicca su questo link digita la stellina in alto a destra per seguire la fonte.

Via le svastiche dalla tomba di Alfredino Rampi: la lapide restaurata e ricollocata