Fiumicino, cinghiale nell’area archeologica dei porti: chiusura a oltranza ai visitatori

La chiusura è avvenuta quest'oggi e si protrarrà fino alla cattura dell'animale da parte dei Carabinieri Forestali

Un cinghiale a spasso alla ricerca di cultura. Il tutto è successo quest’oggi all’interno dell’area archeologia dei porti di Claudio e di Traiano a Fiumicino, sulla via Portuense, che è stata prontamente chiusa ad oltranza ai visitatori, fino a quando non verrà catturato l’animale selvatico.

La chiusura è avvenuta quest’oggi e si protrarrà fino alla cattura dell’animale da parte dei Carabinieri Forestali

In un post su Facebook il Parco Archeologico di Ostia Antica comunica infatti che “A causa dell’avvistamento di un cinghiale all’interno dell’area archeologica, nella giornata di oggi la zona dei porti di Claudio e di Traiano resta chiusa al pubblico, per garantire la sicurezza di tutti, visitatori e lavoratori. Daremo puntuale avviso della riapertura non appena i Carabinieri Forestali effettueranno il loro intervento. Ci scusiamo per il disagio”.

Il sito interdetto è, nel dettaglio, quella edificata da Claudio e successivamente ampliata da Traiano, dove nell’antichità si sviluppava la città di Porto, si trova a nord rispetto alla foce del Tevere – all’interno del comune di Fiumicino – ed anticamente era un porto commerciale e che, tra il II ed il III secolo D.c. si era espanso a dismisura, così da divenire già nel 314 d.c. un centro autonomo ed indipendente rispetto ad Ostia Antica.

canaledieci.it è su Google News:
per essere sempre aggiornato sulle nostre notizie clicca su questo link digita la stellina in alto a destra per seguire la fonte.

Incidente sulla Pontina, conducente Ncc investe cinghiale