Maglianella, discarica abusiva di rifiuti pericolosi: 2 persone denunciate

Gli indagati sono due ragazzi di 23 anni, amministratore delegato e direttore tecnico di una società di gestione di rifiuti

La polizia locale di Roma Capitale ha scoperto un’area di circa 2mila metri quadri adibita a discarica illegale di rifiuti anche pericolosi.

Gli indagati sono due ragazzi di 23 anni, amministratore delegato e direttore tecnico di una società di gestione di rifiuti

Oltre al sequestro del terreno in zona Maglianella, nel quadrante sud della città, sono state denunciate due persone per gravi violazioni alle norme ambientali.

Gli indagati, due ragazzi di 23 anni, amministratore delegato e direttore tecnico di una società di gestione di rifiuti, avevano allestito, su un terreno adiacente alla sede della propria azienda, un deposito per il recupero e lo smaltimento di rifiuti pericolosi e non, privi delle necessarie autorizzazioni e senza alcun rispetto delle disposizioni previste in materia di tutela ambientale.

Un’attività pericolosa per la salute pubblica e l’ambiente, anche tenendo conto del fatto che la discarica sequestrata si trova nei pressi di un torrente. Non si può quindi escludere l’inquinamento delle falde acquifere.

Tra i numerosi rifiuti speciali rinvenuti apparecchiature elettriche ed elettromeccaniche, rottami metallici, rifiuti plastici e di varia natura.

L’intera area era stata occultata attraverso l’uso di teli oscuranti.

Ulteriori indagini sulla provenienza del materiale rinvenuto e su altri presunti illeciti sono ancora in corso.

Maxi discarica di rifiuti edili interrati. Sequestrato un terreno all’Ardeatino

canaledieci.it è su Google News:
per essere sempre aggiornato sulle nostre notizie clicca su questo link digita la stellina in alto a destra per seguire la fonte.