Fiumicino e Fregene: tutto pronto per l’estate

Tra Fiumicino e Fregene, 110 attività balneari si preparano per l'estate. Intanto è boom di affitti di case e villette nelle località balneari

parcheggio

Lavori di tinteggiatura, pulizia e manutenzione, e in qualche caso addirittura un cambio di look. Tutto è già pronto per l’estate negli stabilimenti e i chioschi attrezzati del Litorale tra Fiumicino e Fregene, che si stanno preparando, in vista della riapertura e della stagione balneare, in attesa della conferma delle date ufficiali (26 aprile i ristoranti e 15 maggio la balneazione), e delle misure anti Covid messe in campo la scorsa estate.

Ecco come si preparano alla riapertura gli stabilimenti tra Fiumicino e Fregene

Sono ben 110 le attività balneari tra Fiumicino, Focene, Fregene, Maccarese e Passoscuro a coprire 24 chilometri di costa, e di spiagge attrezzate, che si preparano al meglio, tenendo d’occhio il calendario, su due date in particolare, di cui si attende ulteriore conferma nelle linee guida del Governo per le riaperture: la prima, che è la imminente, è il 26 aprile, che per una buona parte delle attività, significa poter aprire gli spazi dedicati alla gastronomia in riva al mare, mentre la seconda, “libera tutti”, è il 15 maggio, che rappresenta la vera partenza ufficiale della stagione balneare, ed anche la ripartenza economica della categoria.

Anche l’amministrazione comunale si sta preparando, ed ha concluso la prima tranche di pulizia e livellamento delle spiagge libere.

«Ci stiamo già preparando ad affrontare questa seconda estate diversa dalle solite – dichiara il vice sindaco di Fiumicino, Ezio di Genesio Pagliuca – sperando di replicare i buoni risultati del 2020, che ci hanno permesso di registrare presenze importanti, pur nel rispetto di tutte le misure e regole anti Covid. E stiamo lavorando affinché tutti i cittadini, villeggianti e visitatori, possano trovare decoro sulle spiagge e nelle aree adiacenti nelle nostre località.»

Anche i balneari guardano con fiducia alla nuova stagione, mentre si registra peraltro, sul litorale romano, ancor di più dello scorso anno un “boom” negli affitti di case e villette nelle località balneari (leggi qui).

E’ Marco Falsarella, del Singita di Fregene, a riferire sulla situazione degli stabilimenti: “Abbiamo cominciato i preparativi, ma chiaramente aspettiamo le conferme delle riaperture per il 26 aprile e poi, per la spiaggia il 15 maggio, oltre al dpcm per le linee guida. Il modello di gestione sarà orientato alle misure anti Covid che usciranno, ma che credo, e mi auguro, saranno molto simili a quelle dello scorso anno: siamo già rodati dall’esperienza del 2020 che aveva prodotto buoni risultati, tra prenotazioni, distanziamenti tra ombrelloni, sanificazioni, ecc.»

Fiumicino e Fregene: tutto pronto per l'estate 1
La Spiaggia dello stabilimento Singita di Fregene, al tramonto

Mentre si attende la partenza del progetto di difesa della costa con una barriera sottomarina tra Focene e Fregene, è stata superata in qualche modo l’ennesima fase di emergenza erosione, con dati in lieve miglioramento complessivo della balneabilità. Si spera inoltre che l’amministrazione pubblica, come per la stagione balneare 2020, quando mise in campo, per i controlli, 100 volontari di varie associazioni impegnate per la sicurezza del territorio, proceda nello stesso modo a garantire il rispetto di tutte le norme per il distanziamento.

canaledieci.it è su Google News:
per essere sempre aggiornato sulle nostre notizie clicca su questo link digita la stellina in alto a destra per seguire la fonte.

Estate 2021: a Fregene è boom di richieste di case in affitto (VIDEO)