Atti persecutori e maltrattamenti: due arresti a Roma

In poche ore, la Polizia ha compiuto due arresti a Roma: uno per atti persecutori nel quartiere San Paolo, l'altro per maltrattamenti a Prati.

pontina

In poche ore, la Polizia ha compiuto due arresti a Roma: uno per atti persecutori nel quartiere San Paolo, l’altro per maltrattamenti a Prati.

Una storia durata quasi due anni nel corso della quale ha avuto una bambina con lui, un 34enne di origini calabresi. Poi la fine di questo rapporto a causa dei ripetuti maltrattamenti subiti dalla donna, sia fisici che verbali. L’ultimo a dicembre 2020.

In quell’occasione l’uomo le causò escoriazioni ed evidenti ematomi sul viso. Ma lei non ebbe il coraggio di andare in ospedale sia per il senso di vergogna provocato dalla situazione sia per paura di ritorsioni,  come ad esempio quella minacciata dall’uomo di portarle via la bambina.

La donna così aveva trovato rifugio dalla mamma, ma anche quest’ultima dopo la fine della relazione ha iniziato ad essere molestata con messaggi ingiuriosi dal 34enne.

Atti persecutori e maltrattamenti: le operazioni della Polizia

Ieri sera la vittima ha chiesto finalmente aiuto agli investigatori dell’XI Distretto San Paolo, diretto da Massimiliano Maset, dicendo loro che l’uomo la stava aspettando sotto casa della madre per aggredirla.

E mentre l’ufficiale di Polizia raccoglieva la sua denuncia, l’uomo contemporaneamente le inviava minacce di morte sollecitando anche l’invio di una pattuglia tramite 112, altrimenti avrebbe commesso un omicidio.

All’arrivo della pattuglia sul posto, il 34enne, con precedenti di polizia per lo stesso reato, è stato arrestato per atti persecutori.

A Prati, gli agenti hanno soccorso una donna costretta a rifugiarsi all’interno della camera della figlia a causa della furia del compagno che aveva iniziato a scaraventare oggetti al muro e sul pavimento a seguito di una lite nata per un motivo banale

Al loro arrivo gli agenti, oltre alle grida della donna, provenienti dall’appartamento, una volta entrati in casa hanno trovato pezzi di vetro in terra, portafotografie distrutti e vari oggetti di ceramica fatti a pezzi.

Sinceratisi della condizione di salute della 53enne e della figlia, gli agenti hanno ascoltato la vittima scoprendo che l’uomo non era nuovo a certi atteggiamenti e che proprio per questo la compagna aveva interrotto tempo addietro la loro convivenza, riprendendola poco dopo. Insieme alla vita comune tuttavia erano riprese anche le violenze.

Fino a ieri, quando i poliziotti hanno arrestato il romano di 53 anni con precedenti di polizia, per maltrattamenti: è stato disposto, a suo carico, il divieto di avvicinamento alla ex compagna e l’obbligo di indossare il braccialetto elettronico per monitorarne gli spostamenti.

canaledieci.it è su Google News:
per essere sempre aggiornato sulle nostre notizie clicca su questo link digita la stellina in alto a destra per seguire la fonte.

Leggi anche: Roma, evade dai domiciliari per fare una rapina

Roma, evade dai domiciliari per fare una rapina