“Subito una cura specifica per le attività turistiche, oppure almeno la metà falliranno”. E’ il grido d’allarme dell’Istituto Italiano per lo Sviluppo Rurale e l’Agriturismo che registra un calo di pernottamenti dell’80%. L’Isvra richiama l’attenzione “sul ridimensionamento degli oneri che gravano sulle imprese in base alla categoria e alla dimensione e non in base alle presenze reali di ospiti. Visto l’andamento, vanno ridotti la tassa sullo smaltimento dei rifiuti, l’abbonamento speciale Rai e i compensi sul diritto d’autore per i televisori nelle camere e negli spazi comuni. Inoltre – conclude l’istituto – per contenere il costo del personale, deve essere sospeso il versamento dei contributi previdenziali e assicurativi”.

Intanto, il Consiglio dei Ministri ha approvato ulteriori misure in aiuto a questo settore colpito dalla diffusione del Coronavirus. Tra queste: indennità straordinarie per i lavoratori, voucher per alberghi, ammortizzatori sociali e un rilancio dell’immagine dell’Italia nel mondo.

Infine il Campidoglio ha approvato una memoria per il sostegno alla filiera del turismo: “Sono al vaglio tutte le possibili iniziative a supporto del primo comparto provato dall’emergenza– ha dichiarato l’assessore capitolino allo sviluppo economico Carlo Cafarotti che spiega – valutiamo interventi su tassazione e sospensione del contributo di soggiorno. Tutti insieme stileremo un piano che la sindaca dovrà sottoporre al governo perchè Roma – conclude – possa tornare più forte di prima”.