Cinema America, tornano le rassegne in piazza: dal 3 luglio anche al Porto di Ostia

“Riappropriarsi della cultura e del cinema, nel rispetto delle misure di sicurezza”: i ragazzi del Cinema America confermano la stagione estiva
Cinema America
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su pinterest
Condividi su email

Grazie ai ragazzi del Cinema America quest’anno il coronavirus non ci toglierà il piacere dei film all’aperto: torna per l’estate l’appuntamento annuale con la rassegna Il Cinema in piazza, arrivata alla sesta edizione.

Cinema America, da luglio torna la rassegna di film all’aperto

“No al distanziamento sociale, sì a quello fisico anti-contagio”: è questo il principio alla base della coraggiosa iniziativa dei giovani organizzatori del Cinema America. Dal 3 luglio fino al 30 agosto saranno tre i luoghi dove si potrà godere liberamente e in forma gratuita del cinema d’autore all’aperto: a piazza San Cosimato, nel cuore di Trastevere, al Porto turistico di Ostia e al parco della Cervelletta.

Il Decreto Riaperture firmato dal presidente del Consiglio Giuseppe Conte prevede – dal 15 giugno in poi – la possibilità di tornare a frequentare cinema e teatri. E così i ragazzi dell’associazione di Piazza San Cosimato hanno deciso di non tirarsi indietro: per loro il festival cinematografico all’aperto rappresenta in primis un’occasione per favorire il riavvicinamento sociale, pur nel rispetto scrupoloso delle regole del distanziamento fisico.

Valerio Carocci, il presidente dell’Associazione Cinema America, ci spiega il senso dell’iniziativa: “Applicheremo tutte le misure di sicurezza, ma ci è sembrato importante mantenere in piedi un’iniziativa che permetterà ai cittadini, resi distanti dal lockdown di questi mesi, di tornare a fruire di spazi di socialità”.

“Temiamo che le distanze non solo fisiche, ma anche empatiche e sociali che si sono sviluppate in questo periodo possano diventare irreversibili, lasciando ferite come disuguaglianza, conflitto, paura del prossimo”, sottolinea Valerio ai nostri microfoni.

Carocci: il Cinema America un servizio ai cittadini di Ostia

“Credo che in un territorio come quello di Ostia – ci spiega Valerio – la presenza dell’iniziativa del Cinema America ad agosto sia innanzitutto un servizio per la città, essenziale in momento di forte fragilità economica per le famiglie colpite dalla crisi generata dal Covid-19. Famiglie che in molti casi non potranno andare in vacanza, e dovranno rimanere a Roma”.

E non solo: la rassegna di film al Porto di Ostia “rappresenta per chi va al mare a Ostia un’offerta serale di cinema, un motivo in più per trattenersi nella città. La presenza di un’attività serale fruibile dai residenti, dai turisti e dai romani di ritorno dalla spiaggia significa avere anche ricadute positive sull’indotto, dal punto di vista economico”, continua il presidente dell’Associazione che dal 2012 ha portato le migliori pellicole d’autore nelle strade e nelle piazze, per rendere il cinema libero e accessibile a tutti.

cinema america

“Da settimane siamo al lavoro in silenzio per studiare le nostre possibilità di restituire serenità e dignità sociale ai territori. Abbiamo deciso di continuare a farlo attraverso le nostre proiezioni, rispettando scrupolosamente tutte le regole di sicurezza che saranno in vigore. Vogliamo accompagnare le persone in questo tempo sospeso verso una prospettiva di rinascita culturale e di ripresa della vita sociale e aggregativa”, conclude Carocci.

Leggi anche: Ostia ai David di Donatello 2020

Ostia ai David di Donatello 2020

Potrebbero interessarti