Ostia: Decimo Solidale lancia una petizione online per il ritorno alla normalità del Grassi

“L’Asl Roma 3 – denuncia l’associazione – ha ridotto il numero dei posti letto e attualmente è stato sospeso il servizio di telemedicina”
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su pinterest
Condividi su email
Loading the player...

L’associazione Decimo Solidale ha lanciato una petizione online per chiedere alla Sindaca Virginia Raggi, alla Regione e al Governo “il ritorno alla normalità dell’ospedale Grassi di Ostia”: “L’Asl Roma 3 – si legge nel testo – ha ridotto il numero dei posti letto e attualmente è stato sospeso il servizio di telemedicina“.

La petizione online dell’Associazione Decimo Solidale

“L’Ospedale G.B. Grassi deve far fronte ad una utenza di circa 500/600 mila utenti.  – afferma l’associazione – Oltretutto è ancora in corso la “manovra” per ridimensionare il Laboratorio Analisi, a cui afferiscono ben 13 centri prelievi, oltre a soddisfare le esigenze interne dell’ospedale, fra Pronto Soccorso e Degenti.

L’attività del Laboratorio di Analisi

L’attività del Laboratorio Analisi dell’ospedale Grassi rappresenta un’eccellenza e contribuisce alle “casse” dell’azienda sanitaria con circa 2 milioni di euro all’anno, al netto delle spese per impiegati e strutture tecniche. Con il trasferimento al Sant’Eugenio, i benefici economici andranno a finire all’Asl Roma 2.

A rischio la qualità del servizio

La struttura ed il personale in essere al Grassi hanno da anni raggiunto un ottimo livello e di conseguenza la competenza acquisita non potrà più essere garantita in quanto l’Ospedale S. Eugenio ha una struttura differente dall’Ospedale Grassi ed è gravato da ben altri compiti specifici. Il nosocomio lidense sta per diventare un “grande pronto soccorso”, a danno dei residenti che si augurano di non essere “abbandonati” dalla sanità della Regione”, ha concluso l’associazione “Decimo Solidale”.

Potrebbero interessarti