Covid-19, per cinque regioni e Bolzano aumenta la fascia di rischio (e di contenimento)

Il ministro della Salute firma l’ordinanza che eleva a rischio arancione quattro regioni e a rosso Bolzano. Il Lazio resta area gialla
covid
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su pinterest
Condividi su email

Il covid-19 avanza velocemente in diverse regioni ed è necessario frenare la crescita del contagio. Per questo motivo il Ministero della Salute ha deciso di elevare la soglia di rischio, e quindi aumentare le misure di contenimento, in quattro regioni e nella provincia autonoma di Bolzano.

E’ l’effetto del provvedimento firmato questo pomeriggio dal ministro della Salute, Roberto Speranza, sentiti i presidenti delle Regioni interessate. L’ordinanza individua le regioni che passano dall’area gialla a quella arancione e rossa (rischio alto, livello 3 l’area arancione; rischio alto, livello 4 l’area rossa). Le misure previste dall’ordinanza entrano in vigore domani, 11 novembre.

Nello specifico, si precisa dal dicastero – in base alla nuova ordinanza entrano nell’area arancione le Regioni Abruzzo, Basilicata, Liguria, Toscana, Umbria; entra nell’area rossa la Provincia autonoma di Bolzano. Non viene accolta la richiesta del presidente De Luca di inserire la Campania nei livelli più elevati di rischio.

Complessivamente quindi – ricorda il ministero della Salute – la ripartizione delle regioni nelle diverse aree è attualmente la seguente: in ‘area giallaCampania, Emilia Romagna, Friuli Venezia Giulia, Lazio, Marche, Molise, Provincia autonoma di Trento, Sardegna, Veneto; in ‘area arancioneAbruzzo, Basilicata, Liguria, Puglia, Sicilia, Toscana, Umbria; in ‘area rossaCalabria, Lombardia, Piemonte, Valle d’Aosta, Provincia Autonoma di Bolzano. 

Qui trovi le limitazioni a seconda delle aree di classificazione.

Conte ha firmato il nuovo Dpcm. Aperti parrucchieri e barbieri

Potrebbero interessarti