Asl Roma 3: scarseggiano le mascherine con filtranti facciali

Gli operatori sanitari tornano a chiedere la fornitura dei dispositivi di protezione individuali per lavorare in sicurezza
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su pinterest
Condividi su email
Loading the player...

Gli operatori sanitari della Asl Roma 3 tornano a chiedere con forza la fornitura dei dispositivi di protezione individuali per continuare a fare il loro lavoro.

Cobas: “Mancano mascherine, divise e apparecchi termoscan”

Secondo quanto denunciano i rappresentanti della Cobas, in ambito ospedaliero e territoriale scarseggiano le mascherine con filtranti facciali ffp2 ed ffp3, ma le richieste a tutela dei dipendenti sono anche altre: la sostituzione delle divise, la sanificazione continua degli ambienti di lavoro, la fornitura di apparecchi termoscan e di termometri “No touch” per misurare la temperatura corporea a distanza. A lanciare l’allarme è anche il sindacato dei medici dirigenti: “Se le cancellazioni di ferie e riposi sono state accettate per necessità – scrive il segretario generale del Cobas Alessandro Garau – è stata sicuramente meno accettata la decisione di fornire i dispositivi di protezione dietro firma per ricevuta, in quanto non esistevano scorte in azienda”.

Nursing Up: “Nessuna discriminazione per le infermiere neo-mamme”

Intanto, il sindacato degli infermieri “Nursing up” ha diffidato la Regione e le Asl a tutelare le donne in posizione utile nelle procedure selettive, divenute frattanto madri: cioè nessuna discriminazione per le neo-mamme al momento dell’assunzione di nuovo personale.

Asl Roma Tre: le dimissioni di Vitaliano De Salazar

E in questo momento così delicato per la sanità locale, si è dimesso Vitaliano De Salazar, direttore generale della Asl Roma 3, motivando la sua decisione con il “rispetto del ruolo istituzionale”. L’ex-dg, infatti, è indagato per corruzione e traffico di influenze: secondo le accuse, avrebbe favorito, in via indiretta, l’ex-consigliere regionale Michele Baldi. “Lascio un’azienda sana – ha dichiarato De Salazar – la migliore del Lazio sotto un profilo economico, con un avanzo di 500mila euro. Le vicende giudiziarie che mi vedono coinvolto – spiega nella lettera inviata ai collaboratori – hanno dei tempi necessari che per il rispetto del ruolo istituzionale ricoperto mi hanno indotto a rassegnare le dimissioni. Lo faccio con grande dolore poiché, come si evincerà dagli atti da me adottati, non ho favorito nessuno e, in altri casi, non esiste neanche l’atto amministrativo”. 

Potrebbero interessarti