Asili nido privati: pubblicato il bando regionale sui finanziamenti a fondo perduto

La Regione mette a disposizione degli asili nido privati non convenzionati fino a 30.000€ di finanziamenti a fondo perduto
asili nido privati
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su pinterest
Condividi su email

La Regione ha pubblicato il bando sui finanziamenti a fondo perduto per gli asili nido privati. Scopri chi può richiedere il contributo e come.

Asili nido privati: il bando regionale per i finanziamenti a fondo perduto

“È online l’avviso pubblico della Regione Lazio che mette a disposizione degli asili nido privati non convenzionati fino a 30.000€ di finanziamenti a fondo perduto”. Lo fa sapere il vicesindaco di Fiumicino Ezio Di Genesio Pagliuca.

Chi può richiedere i fondi?

  • Imprese private titolari di asili nido accreditati, per i quali non sussiste alcun rapporto contrattuale con Enti pubblici;
  • Imprese private titolari di asili nido accreditati, limitatamente ai posti nido non coperti da convenzione, appalto o concessione con Enti pubblici;
  • Imprese private che gestiscono asili nido aziendali privati accreditati.

Quali sono le spese ammissibili?

  • Canone di Locazione;
  • Spese amministrative;
  • Spese di sanificazione e pulizia dei locali;
  • Utenze;
  • Manutenzione del verde;
  • Acquisto di materiale informatico per attività a distanza;
  • Acquisto di materiali per la didattica;
  • Acquisto dei dispositivi di protezione individuale (DPI).

Le domande possono essere presentate entro e non oltre l’11 maggio 2020.

Per tutte le altre informazioni, qui puoi trovare il bando completo per i contributi a sostegno dei titolari e gestori di asili nido privati accreditati, per il periodo di emergenza epidemiologica da COVID-19″.
D.G.R. 16 aprile 2020, n. 190. Impegno della somma complessiva di € 3.000.000,00 a favore di Creditori Diversi sul capitolo H41990, esercizio finanziario 2020. “COV 20”.

Leggi anche: “Fiumicino: scuole dell’infanzia private al collasso

Potrebbero interessarti