Scuola, studenti in classe per i corsi di recupero. Sciolto il nodo dei trasporti

La ministra Azzolina scrive a presidi e docenti: “Sarà un anno duro ma ce la faremo, stiamo scrivendo la storia”. Mattarella: “La scuola veicolo insostituibile di socialità per i bambini e i ragazzi”
scuola
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su pinterest
Condividi su email

La scuola riapre i cancelli, al via il primo grande test post-lockdown: dal 1° settembre iniziano i corsi di recupero per gli studenti che hanno avuto insufficienze nella pagella. La ministra dell’Istruzione Lucia Azzolina scrive a presidi e docenti: “Sarà un anno duro ma ce la faremo, stiamo scrivendo la storia“. Sciolto il difficile nodo dei trasporti dalla Conferenza Stato-Regioni: i mezzi pubblici potranno trasportare fino all’80 per cento dei passeggeri previsti dalla capienza massima.

Scuola, studenti in classe. Sciolto il nodo Trasporti, sui bus capienza all’80 per cento

Abbiamo una responsabilità storica grande. Lavoriamo tutti insieme e riconsegniamo le scuole ai nostri studenti: il Paese ce ne sarà riconoscente. Sarà un anno duro, ma anche l’inizio di un percorso diverso”, scrive la ministra dell’Istruzione Azzolina in una lettera inviata ai docenti, ai presidi e a tutto il personale scolastico alla vigilia della riapertura della scuola.

scuola

Avremo le risorse dall’Europa con cui costruire la scuola di domani, a partire dagli insegnamenti di questi mesi. Abbiamo le idee e il coraggio per realizzarle”, sottolinea Azzolina.

Poi l’incoraggiamento a tutti gli insegnanti: “Non era mai successo prima. So che c’è preoccupazione, è comprensibile. Ci darà sostegno la garanzia del gran lavoro fatto: nessuno in Europa si è impegnato così tanto nei mesi estivi per preparare la scuola a questa nuova stagione”, afferma la ministra Azzolina.

scuola

“La comunità della scuola è risorsa decisiva per il futuro della comunità nazionale, proprio in quanto veicolo insostituibile di socialità per i bambini e i ragazzi: ne comprendiamo ancor più l’importanza dopo le chiusure imposte dalla pandemia”, dichiara il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella.

Il Comitato Tecnico-Scientifico conferma le indicazioni fornite nei giorni scorsi: no alla mascherina in classe anche per gli studenti delle superiori, purché ci sia la distanza di un metro.

Sciolto il nodo trasporti: sì alla capienza massima sugli Scuolabus se il viaggio dura fino a 15 minuti

La Conferenza Stato-Regioni ha approvato le linee guida per il trasporto pubblico in vista della ripresa della scuola: per gli autobus autorizzato il riempimento fino all’ 80% dei posti totali. Sugli Scuolabus invece, per viaggi che durano al massimo 15 minuti, si potrà arrivare alla capienza massima.

A bordo dei mezzi pubblici del trasporto locale e del trasporto ferroviario regionale è consentito un coefficiente di riempimento non superiore all’80 %, prevedendo una maggiore riduzione dei posti in piedi rispetto a quelli seduti”, si legge in una nota del ministero dei Trasporti diffusa in serata.

Consentita la capienza massima del mezzo di trasporto scolastico, nel caso in cui la permanenza degli alunni nel mezzo non sia superiore ai 15 minuti”, si legge nelle linee guida del testo approvato.

In serata l’annuncio dell’accordo da parte della ministra dei Trasporti Paola De Micheli: “Regole di sicurezza uguali per tutti sui mezzi del trasporto pubblico, e fondi agli enti locali che avranno necessità di incrementare i servizi. Dopo un confronto serrato abbiamo raggiunto un accordo all’unanimità con le Regioni, Comuni e Province per far ripartire la mobilità delle persone”.

Leggi anche: Scuola, approvate le linee guida dell’Istituto Superiore di Sanità

Scuola, approvate le linee guida dell’Istituto Superiore di Sanità

Potrebbero interessarti