Romanatura: “Territorio in preda agli incendi”

“Con l’arrivo dell’estate anche quest’anno, purtroppo, il nostro territorio é tornato ad essere preda degli incendi”. Amara constatazione quella di Maurizio Gubbiotti, presidente di Romanatura.
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su pinterest
Condividi su email
Loading the player...

“Il nostro territorio é tornato ad essere preda degli incendi”. Amara constatazione quella di Maurizio Gubbiotti, presidente di Romanatura, che in una nota spiega: “Sono state interessate anche le riserve di Decima Malafede, Pineto, Laurentino e Acqua Acetosa. E’ stato messo a rischio il lavoro realizzato fino a oggi”.

Romanatura: “Gravi colpi al settore economico”

“Con estremo dispiacere nel 2020 dobbiamo registrare gravi colpi al patrimonio naturalistico, ma anche al settore economico. E’ utile ricordare che la quasi totalità dei roghi sono dolosi, causati a volte da comportamenti superficiali, ma spesso da volontà precise. I piromani rischiano dieci anni di reclusione – fa presente ancora Gubbiotti – e possono diventare addirittura 15 se le fiamme interessano una riserva naturale o un’area protetta”.

“La rete attivata con la regione Lazio, associazioni di volontariato, protezione civile e i nostri guardiaparco é di grande utilità. Noi ce la stiamo mettendo tutta per salvaguardare il nostro inestimabile patrimonio e lavoriamo affinché tutte le istituzioni facciano la loro parte. chiediamo però il supporto di coloro che frequentano questi posti: devono sempre tenere a mente le corrette regole di comportamento e segnalare eventuali situazioni di pericolo. la collaborazione dei cittadini può essere decisiva nell’avvertire tempestivamente gli organi preposti chiamando il 115, o il numero di emergenza 112”. conclude Gubbiotti.

Ti potrebbe interessare leggere anche: Ancora cassonetti in fiamme a Ostia: 3 incendi in 30 minuti

Potrebbero interessarti