Mobilità sostenibile: Roma riparte dalla bicicletta

La ripresa dal Covid-19 ha reso alcuni settori dell’economia molto più dinamici, tra i primi troviamo sicuramente la mobilità sostenibile
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su pinterest
Condividi su email

La ripresa dal Covid-19 ha reso alcuni settori dell’economia molto più dinamici, tra i primi troviamo sicuramente la mobilità sostenibile.

Il ministro Costa ha infatti annunciato che sono stati stanziati 300 milioni di euro per realizzare piste ciclabili nei Comuni e per le ciclovie.

La misura sicuramente lega con l’erogazione di un sussidio nazionale per l’acquisto di biciclette. Quest’ultimo, noto come “buono mobilità” è un contributo pari al 60 per cento della spesa sostenuta (massimo 500 euro) per l’acquisto di bici, biciclette a pedalata assistita, veicoli elettrici come i monopattini o anche per l’utilizzo di servizi di mobilità condivisa , come ad esempio bike e scooter sharing.

Mobilità sostenibile: in tutta l’area Romana sarà possibile trasportare le bici anche su metro e tram, realizzando una fitta rete di scambi sostenibili, dal 25 maggio infatti il trasporto delle biciclette è ammesso tutti i giorni senza limiti di fascia oraria su queste linee:

  • sulle linee metro A, B/B1, C
  • sulla ferrovia Roma-Lido
  • sulle linee bus, ad eccezione dei collegamenti serviti con veicoli di piccole dimensioni
  • sulle linee tram 2, 3 e 8

Mobilità sostenibile: Roma riparte dalla bicicletta 1

Nella Capitale inoltre si stanno rapidamente realizzando 150 km di nuovi itinerari ciclabili temporanei (leggi qui la notizia) ma anche tantissimi nuovi progetti per rilanciare la mobilità condivisa e per favorire il car-pooling (che è una forma di sharing di passaggi tra dipendenti), il tutto a condizione che siano rispettate le norme di sicurezza.

L’obiettivo di Roma, così come delle altre città Italiane è di effettuare sfalsamenti e scaglionamenti degli orari di avvio delle attività lavorative, in maniera tale da garantire durante il giorno un utilizzo dei sistemi di trasporto in maniera più uniforme e costante per più ore della giornata. In questo modo non solo è possibile gestire i flussi per evitare assembramenti nelle ore di punta, ma si garantisce anche una minore pericolosità del traffico urbano, essendo meno congestionato e più integrato anche con altri mezzi quali le biciclette.

Lo Smart Working diventerà poi, molto probabilmente, un modello di lavoro adottabile anche alla fine dell’emergenza, dati i notevoli benefici riscontrati sia circa lo stress psico-fisico dei dipendenti sia riguardo ai minori impatti ambientali, dovuti al calo degli spostamenti in macchina casa-lavoro.

Dunque in questo contesto di nuovi assestamenti la mobilità sostenibile diventa un grande sostegno, in quanto consente spostamenti individuali in sicurezza ed è in linea con l’idea di città smart e sempre più car-free che sarà necessaria nel futuro più prossimo.

 

Alessia Pasotto,

laureanda in Economia dell’Ambiente e dello Sviluppo presso Roma 3.

Su Instagram: @natur_ale_

Giorgia Perla

Nata ad Amatrice il 19 agosto 1981 mi sono trasferita a Roma nel ‘97. Laureata dal 2007 in Editoria e Giornalismo presso la facoltà di Lettere e filosofia dell'Università LUMSA di Roma. Iscritta all'Albo dei giornalisti professionisti dal 2019. Lavoro a Canale Dieci da maggio 2004. Mi occupo per lo più di cronaca bianca, sociale e disabilità.