Legambiente Lazio: si è conclusa la 34esima edizione di Goletta Verde

Terminata la storica campagna di Legambiente dedicata al monitoraggio sullo stato di salute delle coste e delle acque. Interessanti i dati emersi sul litorale
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su pinterest
Condividi su email

Nel Lazio si è conclusa la 34esima edizione di Goletta Verde la storica campagna di Legambiente dedicata al monitoraggio sullo stato di salute delle coste e delle acque.

La 34ª edizione di Goletta Verde, la storica campagna di Legambiente

Ieri nel corso di una conferenza stampa, sono stati resi noti i risultati del monitoraggio di Goletta Verde eseguito dal 30 giugno al 2 luglio. Dei 25 punti controllati, 14 risultano avere parametri oltre i limiti di legge.

Su undici prelievi in provincia di Roma, sei sono risultati “fortemente inquinati” e uno “inquinato”. Tra questi la foce del fiume Arrone a Fregene, il ramo della foce del Tevere a Fiumicino, il canale all’altezza di Via Filadelfia a Torvajanica e le foci del rio torto e del fosso grande ad Ardea.

goletta verde

Considerato “inquinato” il Rio Vaccina a Ladispoli. Buone notizie invece per il canale dei pescatori a Ostia, il fosso Zambra a Marina di Cerveteri e la spiaggia nei pressi di Via Olimpo a Santa Severa, giudicati entro i limiti.

“Oltre la metà delle analisi mostra serie criticità lungo la costa causate da difficoltà depurative o scarichi illegali – ha spiegato il presidente di Legambiente Lazio Roberto Scacchi – chiediamo agli amministratori, e alle forze dell’ordine atti concreti in grado di migliorare la qualità del nostro mare.

 

Ti può interessare anche Civitavecchia, la centrale a carbone Enel produce da sola l’80 per cento delle emissioni di tutto il Lazio

Civitavecchia, la centrale a carbone Enel produce da sola l’80 per cento delle emissioni di tutto il Lazio

Potrebbero interessarti