Episodi di antisemitismo davanti a due scuole di Pomezia, entrambe impegnate in alcune iniziative sull’olocausto. Questa mattina davanti all’ingresso del Liceo Pascal gli studenti si sono ritrovati la scritta: “Calpesta l’ebreo“. Poco dopo all’istituto Largo Brodolini è, invece, comparsa la frase: “Anna Frank brucia“, con accanto una svastica. Proprio in questa scuola era prevista la visita di Gabriele Sonnino, testimone della shoah. “Si tratta di atti gravissimi da condannare con la massima forza – ha commentato Rodolfo Lena presidente della Commissione Affari Costituzionali del Consiglio regionale – è nostro dovere impegnarci quotidianamente per costruire una cultura di opposizione a qualunque discriminazione, odio e intolleranza” – ha concluso Lena. Sulla questione è intervenuta anche la consigliera regionale Marietta Tidei: “Le scritte sono raccapriccianti e indegne – ha dichiarato – il rigurgito antisemita va contrastato con ogni mezzo ripartendo proprio dalle scuole e da tutti i luoghi educativi. La storia, il dolore e la tragedia non possono essere negate o riscritte”.