E’ partito il piano freddo 2019-2020, un sistema articolato di misure con cui Roma Capitale integra, nei mesi più rigidi dell’anno, l’offerta ordinaria in aiuto ai senza fissa dimora. Tra gli obiettivi: gestire le conseguenze delle basse temperature e favorire l’inserimento delle persone vulnerabili in percorsi strutturati di sostegno. Il bando pubblicato dal Campidoglio ha alzato il tetto massimo dei posti in aggiudicazione a 450, ovvero 115 in più rispetto al 2018. “Lo scopo non è solamente assistere chi è in difficoltà – ha dichiarato la sindaca Virginia Raggi – puntiamo ad avvicinare anche le persone più refrattarie all’accoglienza per incentivarne l’inclusione in percorsi di integrazione”. “Quest’anno sul piano freddo abbiamo investito di più – ha aggiunto l’Assessore alla Comunità Solidale Veronica Mammì – il bando ha stanziato 1 milione e 100 mila euro per 450 ricoveri e con altri 200 mila euro abbiamo finanziato circa 100 unità attivabili dai singoli municipi. Continueremo a monitorare costantemente la situazione e siamo pronti a mettere in campo maggiori risorse se necessario” – ha concluso.