Proseguono le polemiche nei confronti del comune di Roma dopo la convocazione della commissione Commercio per discutere del Pua. “Qualcuno dica alla Raggi che il coronavirus si chiama Covid 19 e non PUA”, dichiarano il capogruppo capitolino di Fratelli d’Italia Andrea De Priamo e la consigliera del Decimo Municipio Mariacristina Masi che proseguono: “Mentre cerchiamo di fare un’opposizione seria e responsabile in un momento particolarmente difficile, il Movimento Cinque Stelle convoca una Commissione in Campidoglio sul Piano di Utilizzazione degli Arenili e vota il parere, a dimostrazione di come la Sindaca stia facendo di tutto per soffocare il dibattito sul tema e voglia farlo passare in un periodo in cui le priorità, per noi, sono altre. Si è deciso di parlare dell’argomento in Campidoglio proprio adesso a discapito, come sempre, del confronto democratico. Mentre la città sta attraversando uno dei momenti più difficili degli ultimi decenni, sia a livello sanitario che economico, con un Sindaco che non ha finora messo in campo tutto il necessario, ci sembra veramente ridicolo che sia stata data priorità assoluta a un argomento che, vista anche la situazione, non risulta tra le urgenze. È stato due anni nel cassetto e adesso si spinge sull’acceleratore non curandosi dell’inopportunità e della mancanza di rispetto nei confronti dell’opposizione, che invece chiede strumenti maggiori per difendere dal virus chi continua a lavorare. Si poteva discutere del PUA al termine di questa brutta esperienza che sta colpendo fortemente l’intero Paese e invece si è deciso di fare l’ennesima forzatura, che ci pone anche seri dubbi sulla trasparenza del Movimento Cinque Stelle, che dicono sia nato tra i cittadini e per i cittadini, ma che nei fatti evita qualsiasi confronto. La Raggi invece di pensare a mettere in campo il massimo possibile per salvaguardare la salute pubblica, a sanificare i quartieri in tempi celeri e a pensare come sostenere i commercianti e le imprese romane che usciranno a pezzi da questo periodo, sta lì a sollecitare l’approvazione del PUA, ne prendiamo atto e daremo battaglia anche per questo sgarbo quando il documento arriverà in Assemblea”.

Pua: la replica del Campidoglio

Dal Campidoglio replicano: “Le commissioni vanno avanti per non bloccare l’attività amministrativa. La discussione sul Pua prosegue fin quando sarà possibile nel rispetto delle regole democratiche”-