La sabbia trasportata dal vento, insieme all’acqua piovana e agli oleosi residui stradali diventa una poltiglia scivolosa che mette a rischio i veicoli di passaggio e va a riempire le caditoie, determinando allagamenti perenni. Ecco la situazione del lungomare di Ostia Ponente dopo l’ondata di maltempo che ha investito la costa. Il forte vento di metà novembre ha portato sulla strada tonnellate di rena sottratta alle spiagge. Finalmente oggi gli operai incaricati dal Decimo Municipio sono intervenuti per la bonifica, perché la sabbia – una volta contaminata da oli, asfalto e altro – diventa un rifiuto speciale e come tale deve essere trattata. “Spendiamo risorse pubbliche ad ogni perturbazione – attacca Sinistra Italiana – ma non spendiamo mezzo centesimo per evitare che la sabbia voli via dalle spiagge. Basterebbero delle semplici ed economiche barriere in fibra naturale, montate sulla ringhiera, ed il problema sarebbe risolto”.