Buone notizie per i genitori dei bambini che frequentano le scuole “Amendola-Guttuso”, “Parini” e “Acqua Rossa” di Ostia. Dopo mesi di disagi e proteste, torna la refezione scolastica. Da settembre, infatti, circa mille alunni erano costretti a portare il pranzo da casa, con tutti i problemi che la situazione comportava. La decisione di sospendere la mensa era scaturita dal forte indebitamento dell’istituto comprensivo “Via Delle Azzorre” che nel frattempo è sceso da un milione e centoundicimila euro a poco più di 700mila euro. Il servizio, precedentemente gestito in autonomia, ora e’ stato preso in carico da Roma Capitale che ne garantirà la qualità, tutelando i dipendenti. “Il dialogo tra amministrazione e aziende aggiudicatarie della gara d’appalto – si legge in una nota del Campidoglio – ha portato alla sottoscrizione dell’impegno da parte delle ditte ad assicurare la continuità dei rapporti di lavoro, le mansioni e i parametri orari nei confronti di coloro che erano impiegati nei servizi del precedente appalto. Al contempo, il Tar e il consiglio di stato hanno rigettato le richieste di sospensiva della procedura avanzate da alcune società” – termina il comunicato.