Il punto verde qualità di Dragona è ormai agonizzante. Ai cantieri fermi dalla bellezza di nove anni, si aggiunge il rapido declino del punto ristoro, accanto al parco “Donne vittime del femminicidio“, che da qualche tempo risulta occupato da alcuni senzatetto. Nel frattempo, per effetto della “Teoria delle finestre rotte”, il degrado chiama altro degrado: dunque, nell’area verde prospiciente – di proprietà comunale – gli incivili continuano ad abbandonare rifiuti di ogni tipo, dagli sfalci agli ingombranti.