Acilia, emergenza adozioni per i cani di Villa Andreina

Molti cani anziani dovranno essere trasferiti in altri canili. Pelonzi (Pd): “Questi animali, che di gabbia ne hanno avuta abbastanza, ora vengano trasferiti in strutture accessibili”
villa andreina
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su pinterest
Condividi su email

Il canile privato Villa Andreina, ad Acilia, ha chiuso la convenzione con il Comune di Roma. E ora è emergenza adozione per i cani anziani che hanno passato una vita in gabbia. Molti di loro, inoltre, provengono dal canile lager Parrelli, sequestrato diversi anni fa. “Ora vengano ospitati in strutture accessibili ai cittadini che li vorranno adottare”, è l’appello lanciato oggi da Giulio Pelonzi, capogruppo del Partito Democratico in Campidoglio.

Villa Andreina, Pelonzi (Pd): “Dopo una vita in gabbia, i cani vengano ospitati in strutture adeguate”

“Mi unisco al coro delle associazioni animaliste che da anni si prendono cura dei cani all’interno dei canili comunali e privati convenzionati di Roma”, dichiara il capogruppo PD capitolino.

villa andreina

“Chiedo che questi animali, provenienti dal canile privato Villa Andreina, e che di gabbia ne hanno avuta abbastanza, vengano ospitati in strutture site in città, accessibili ai volontari di tutte le associazioni e facilmente raggiungibili dai cittadini che li vorranno adottare”, sottolinea il dem Pelonzi.

Sono circa sessanta i cani presenti nella struttura di Villa Andreina che dovranno essere trasferiti. “Molti di loro provengono dal Parrelli, il canile lager sequestrato anni fa”, spiega ai nostri microfoni Emanuela Bignami, presidente della Lega Nazionale Difesa del Cane sezione Ostia.

“Sono rimasti chiusi nelle gabbie di Villa Andreina per anni, ora per loro lanciamo un appello affinché possano conoscere il calore di una famiglia. E soprattutto chiediamo che vengano ospitati in altri canili romani accessibili, frequentati dai cittadini romani che vogliono adottare un cane”, sottolinea Bignami.

Si tratta di “soggetti anziani, indeboliti da anni di reclusione e non adeguata socializzazione, già provenienti da maltrattamenti, abbandoni o sfortunate situazioni“, continua Pelonzi.

“Roma Capitale ha anche altre strutture convenzionate meno distanti e ben rodate nella collaborazione con i volontari: diamo una vera occasione di vita e di adozione a questi cani che hanno già patito abbastanza”, dichiara il capogruppo dei democratici.

“Invito il Dipartimento ambiente e l’ufficio animali di Roma Capitale a mantenere come noi alta l’attenzione sulle strutture comunali e sulle convenzioni con i canili privati, affinché non siano parcheggi per cani”, conclude il capogruppo PD in Campidoglio.

Leggi anche: Cacciatore spara 3 colpi di fucile sul viso di un uomo

Cacciatore spara 3 colpi di fucile sul viso di un uomo

Potrebbero interessarti