Via Ostiense. Rinvenuta un’antica vasca monumentale di ben 40 metri

Staordinaria scoperta sulla Via Ostiense. Un’antica vasca monumentale in tufo è stata rinvenuta tra via Ostiense e via di Malafede
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su pinterest
Condividi su email
Loading the player...

Gli archeologi hanno fatto una straordinaria scoperta tra via Ostiense e via di Malafede, hanno rinvenuto una vasca monumentale lunga oltre 40 metri.

Via Ostiense. Rinvenuta un’antica vasca monumentale di ben 40 metri

Una vasca monumentale lunga oltre 40 metri, un’articolata stratificazione di edifici e costruzioni, due ettari di terreno e oltre otto secoli di storia che, grazie a sofisticate tecniche di scavo, sono venuti alla luce tra via Ostiense e via di Malafede, rivelando un ricco contesto produttivo. Questo lo straordinario ritrovamento illustrato alla presenza del soprintendente speciale di Roma, Daniela Porro.

Via Ostiense. Rinvenuta un’antica vasca monumentale di ben 40 metri 1

«Trovarsi di fronte a un tale rinvenimento ha lasciato sorpresi anche i nostri esperti  –  ha dichiarato Porro – una scoperta che rinnova lo stupore nei confronti di Roma e delle infinite storie che ha ancora da raccontare. Un altro successo dell’archeologia preventiva, essenziale per non disperdere il nostro passato, e per tutelare e valorizzare territori che, altrimenti, resterebbero inesplorati.»

«Di vasche antiche ne sono state trovate, ma non così monumentali e lavorate con cura nella sua intera struttura – ha aggiunto la responsabile dell’area Barbara Rossi – è davvero un “unicum”. Basti solo considerare che lo scivolo ha rivelato due livelli di blocchi di tufo, evidentemente doveva sostenere il passaggio di qualcosa di molto pesante. Non è ancora chiaro, ma si presume che la vasca fosse una darsena in sinergia col Tevere e il Fosso di Malafede.»

 

Leggi anche: Archeologia a Pomezia: uno scheletro umano perfettamente conservato al Museo Lavinium.

Archeologia a Pomezia: uno scheletro umano perfettamente conservato al Museo Lavinium.

Potrebbero interessarti