Turismo, Federbalneari Lazio soddisfatta per l’incontro in Regione

Le difficoltà derivanti dalla pandemia in corso hanno impresso una decisa e imprevista svolta nella disputa sul rinnovo delle concessioni demaniali. Federbalneari Lazio esprime soddisfazione per l’incontro che si è tenuto in Regione in merito alla crisi del comparto
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su pinterest
Condividi su email
Loading the player...

Turismo in primo piano. Le difficoltà derivanti dalla pandemia in corso hanno impresso una decisa e imprevista svolta nella disputa sul rinnovo delle concessioni demaniali. Federbalneari Lazio esprime soddisfazione per l’incontro che si è tenuto in Regione in merito alla crisi del comparto: “È emersa chiaramente la necessità di prevedere l’avvio della stagione – si legge in una nota dell’associazione – ovviamente tenendo conto di tutte le misure che dovranno essere messe in campo per garantire il distanziamento sociale e la sicurezza di chi andrà in spiaggia.

È importante sostenere il settore del turismo valutando misure come la sospensione di alcuni oneri fiscali ma, fin da subito, è necessario che il governo vari il decreto per rendere operativa la proroga delle concessioni balneari fino al 2033. L’orizzonte temporale di 15 anni – spiega Federbalneari – serve in questo momento per dare certezza agli operatori del settore in merito alla programmazione delle attività”. Una posizione, questa, che trova d’accordo i consiglieri regionali Adriano Palozzi – “Richieste sacrosante”, ha commentato – e Giancarlo Righini, il qualche chiede alla pisana di intervenire con determinazione e celerità.

Turismo, Palozzi (Cambiamo): “Fare presto con proroga delle concessioni”

“Quello balneare è uno dei settori più in difficoltà a causa della emergenza Coronavirus e la Regione deve fare quanto in suo potere per ridare sicurezza e rilancio del turismo per il territorio del Lazio. Oggi in commissione associazioni e categorie produttive hanno lanciato il loro grido di allarme, chiedendo sospensione imposte, sgravi fiscali e proroga delle concessioni fino al 2033. Richieste sacrosante, che Cambiamo condivide e sostiene”.
“In particolare sull’ultimo punto, bisogna chiarire un’incertezza e per farlo sono necessari provvedimenti urgenti e atti ministeriali concreti sulle concessioni demaniali marittime per dare concretezza all’estensione di altri 13 anni delle stesse. In questo contesto auspichiamo che la Regione Lazio passi davvero dalle parole ai fatti, sollecitando un intervento chiarificatore da parte del governo nazionale”.

Così, in una nota, il consigliere regionale del Lazio ed esponente nazionale di “Cambiamo” con Toti, Adriano Palozzi.

Turismo, Righini (Fdi): “Sì alla proroga delle concessioni balneari e a tempi certi per la riapertura”

La Regione Lazio intervenga con determinazione e celerità in difesa di un settore strategico, qual è quello del turismo balneare. Oggi in commissione abbiamo ribadito i punti sui quali ci stiamo battendo e sui quali chiediamo di agire con urgenza: la certezza sulle date della riapertura, possibilmente già il 4 maggio, l’attesissima proroga al 2033 delle concessioni balneari, consentita da legge nazionale, e la garanzia della piena operatività del settore, con un’opportuna opera di sensibilizzazione rispetto al distanziamento personale negli stabilimenti”

Queste le parole del consigliere regionale di Fratelli d’Italia, Giancarlo Righini, durante l’odierno intervento in Commissione Attività Produttive.

“Ogni imprenditore deve aver la possibilità di programmare al meglio le proprie attività; reperire la manodopera e allestire gli stabilimenti richiede tempo e voglio sperare che da queste audizioni, sollecitate in particolare dal gruppo di FdI, si arrivi a dare certezze immediate ai settori produttivi”.

Potrebbero interessarti