Gli Amici del Grassi donano un tablet al reparto medicina (FOTO)

Ennesima bella iniziativa sociale a Ostia. Giovedi 12 novembre l’associazione Donatori Amici del Grassi ha donato un tablet al reparto medicina. Il tablet sarà utilizzato, inizialmente in modo sperimentale,  nell’ambito del progetto “Non più soli” 
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su pinterest
Condividi su email

Ennesima bella iniziativa sociale a Ostia. Giovedi 12 novembre l’associazione Donatori Amici del Grassi ha donato un tablet al reparto medicina dell’ospedale Grassi, facendosi anche carico della gestione della relativa sim-card.

FOTO TABLET 1

Il tablet sarà utilizzato nell’ambito del progetto “Non più soli”

FOTO TABLET 2

Lo strumento tecnologico sarà utilizzato, inizialmente in modo sperimentale, nell’ambito del progetto “Non più soli”. Il progetto è teso a mettere in collegamento, tramite le videochiamate, i pazienti ricoverati con i loro congiunti a casa.  Ciò è stato possibile grazie alla disponibilità e sinergia tra le varie funzioni ospedaliere rappresentate dalla Dottoressa Budroni, dal Dottor  Margheriti, dall’assistente sociale Dottoressa Forte; dalla coordinatrice del reparto Dottoressa mancini, dalla dottoressa Mancini e dalla dottoressa De Rosa.

FOTO TABLET 3

2.801 Donatori attivi. L’Associazione Gruppo Donatori Volontari “Amici del Servizio Trasfusionale dell’Ospedale G.B.Grassi di Ostia” – ONLUS nasce nel 1996 con lo scopo di diffondere tra i cittadini la cultura della donazione del sangue e contribuire a raggiungere, in tempi brevi, l’obiettivo dell’autosufficienza territoriale.

I rapporti tra l’Associazione e la ASL RMD sono regolati da convenzione annotata nel repertorio aziendale al n. 573/09.

Nel 2002 il Centro Trasfusionale dell’Ospedale Grassi ha raggiunto, grazie anche all’impegno dell’Associazione, il traguardo dell’autosufficienza, traguardo ampiamente superato nel corso dei successivi anni.

Attualmente il Centro Trasfusionale dell’Ospedale Grassi contribuisce al fabbisogno dei nosocomi romani con circa il 40% delle unità raccolte.

Nonostante l’impegno delle tante Associazioni del settore, operanti a livello regionale e nazionale, il Lazio è ancora in emergenza sangue.

redazione@canaledieci.it

Ti potrebbe interessare leggere anche: Covid-19, l’ospedale Grassi di Ostia si amplia: pronto un prefabbricato per pazienti positivi

 

Potrebbero interessarti