Pendolarismo rifiuti: rinnovato lo stop

Le sanzioni previste nell’Ordinanza arrivano fino a 500 euro. L’assessore Ieva: “Stiamo contrastando l’abbandono dei rifiuti con fototrappole dislocate sul territorio”
Pendolarismo rifiuti
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su pinterest
Condividi su email

“Le misure di contrasto al pendolarismo rifiuti e l’utilizzo di sacchi non trasparenti sono rinnovate con Ordinanza Sindacale”. Lo ha annunciato l’assessore all’Ambiente del Decimo Municipio Alessandro Ieva che prosegue: “È vietato, quindi, conferire nella città di Roma i rifiuti urbani prodotti dai non residenti nella Capitale e provenienti da altri Comuni. Lo stesso provvedimento vieta l’uso di sacchi non trasparenti. Le sanzioni previste nell’Ordinanza arrivano fino a 500 euro.

Pendolarismo rifiuti: “Lo stiamo contrastando con le fototrappole”

“Stiamo contrastando l’abbandono dei rifiuti con fototrappole dislocate sul territorio ed in sinergia con il Nucleo Ambiente Decoro della Polizia Locale di Roma Capitale e dei Carabinieri Forestale. Non mancano le segnalazioni qualificate che i cittadini stanchi dei rifiuti in strada ci trasmettono a fronte di gettito illecito e grazie alle quali sono state notificate centinaia di sanzioni ed in molti casi anche con il sequestro del mezzo”.

Proseguono, inoltre, i quotidiani interventi di decoro previsti con il progetto “Pronto mare 2020” da parte nel Nucleo Speciale Decoro dell’Azienda Municipalizzata Ambientale. Sono invece centinaia le tonnellate di rifiuti, molto spesso accumulati nel tempo, che abbiamo già rimosso attraverso la convenzione quadro tra X Municipio e Ama S.p.A. per un importo di 390.000 euro“.

Ti potrebbe interessare leggere anche: Il Piano Rifiuti è stato approvato in consiglio regionale

Potrebbero interessarti