Spot per il turismo a Ostia ma la pista ciclabile è inventata (VIDEO)

Lanciato lo spot finanziato dal X Municipio: solo fotografie e per pista ciclabile un percorso sconosciuto. E la parola Ostia non è detta una sola volta
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su pinterest
Condividi su email

Il turismo a Ostia? Ve lo mostriamo in fotografia, su uno spot video. E se amate monopattini e biciclette, immaginate la pista ciclabile come quella di un bellissimo posto, privo di auto e immerso nel verde.

Il X Municipio ha lanciato il promo pubblicitario finanziato con 39mila euro ed affidato a una società di comunicazione. Si tratta di uno degli adempimenti fissati per la società vincitrice della gara d’appalto voluta dall’Assessorato al Turismo municipale per la promozione dell’immagine del litorale romano e affidato a luglio scorso.

Lo spot dura 26 secondi ed è destinato al circuito fieristico, purtroppo interrotto dalle norme contro la diffusione del coronavirus, e delle linee metropolitane di Roma. La qualità discutibile e la scelta tecnica di proporre fotografie invece di immagini in movimento, però, potrebbero non produrre l’effetto sperato nei confronti dei pochi visitatori in giro per la città.

Che dire, poi, del fatto che all’interno della pubblicità la parola “Ostia”, località conosciuta in ogni angolo del mondo per la sua storia strettamente connessa con la Roma Imperiale, non è citata neanche una volta?

La società di comunicazione, evidentemente con l’approvazione degli organi di verifica dell’amministrazione, infatti, ha scelto fotografie stereotipate puntando, come obiettivo, alla promozione degli sport da praticare tutto l’anno. E dove i nostri luoghi sono intuibili (gli scavi di Ostia Antica, in particolare) questi figurano in un collage maldestro e con una qualità ben poco definita.

Peccato che non siano riconoscibili i vasti e accoglienti spazi di Ostia dove esercitare le proprie passioni in movimento (la pineta, il lungomare, le ampie spiagge di Capocotta e Castelporziano), che non ci sia neanche una delle strutture federali che simboleggiano questa specificità (il Polo natatorio, il Palafijlkam) e, soprattutto, che la grande novità della pista ciclabile sia rappresentata da un posto che non esiste. O che magari appartiene a una realtà distante da quella del lungomare di Ostia, a contatto con le auto.

In effetti, qui puoi scoprire in quale Paese all’estero è stata fotografata.

Chissà da quale portfolio di immagini è stata tratta quella impiegata per illustrare lo spazio dove circolare in bicicletta e con il monopattino. La fantasia, insomma, che supera la realtà virtuale. E, comunque, un’altra occasione persa sfruttando finanziamenti pubblici.

Dopo la pubblicazione dell’articolo che stai leggendo, qualcuno del X Municipio, preso da pudore tardivo o forse colto dall’imbarazzo dell’ingiustificabile spesa, ha rimosso il video sia dalla pagina ufficiale dell’amministrazione che da youtube (leggi qui).

E anche su questo articolo non troverete più il video “incriminato”. Evidentemente contrari a qualsiasi critica sulla fattura dell’opera artistica, su espressa richiesta dei proprietari del video abbiamo ottemperato alla richiesta di “rimozione immediata di tutto il materiale lesivo dell’immagine e della reputazione di Omniares Communication“. Società che non abbiamo mai nominato e che, evidentemente, rivendica la proprietà dello spot.

redazione@canaledieci.it

Turismo a Ostia, spesi 40mila euro per progetti rimasti nel cassetto

Potrebbero interessarti