Ostia: tentato omicidio del cognato di Roberto Spada

I Carabinieri hanno arrestato tre persone. Sarebbero il mandante e gli esecutori dell’agguato
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su pinterest
Condividi su email
Loading the player...

Tentato omicidio al cognato di Roberto Spada: i Carabinieri di Ostia hanno individuato e arrestato tre persone con l’accusa di tentato omicidio. Sarebbero responsabili dell’agguato a Paolo Ascani, cognato di Roberto Spada, avvenuto a Ostia lo scorso 20 aprile.

 

In meno di un mese,  i Carabinieri del Nucleo Investigativo del Gruppo di Ostia, grazie ad un’efficace e tempestiva attività d’indagine, hanno identificato i componenti del “gruppo di fuoco” che lo scorso 20 aprile gambizzarono Paolo Ascani, cognato di Roberto Spada, in via Antonio Forni di Ostia. (leggi qui la notizia)

Ostia: tentato omicidio del cognato di Roberto Spada 1

Dalle prime luci dell’alba, i militari di Ostia hanno dato esecuzione ad un’ordinanza di custodia cautelare in carcere, emessa dal G.I.P. presso il Tribunale di Roma, su richiesta della Direzione Distrettuale Antimafia della Procura di Roma, nei confronti di 3 individui (F.G. 46enne romano, D.A. 41enne romano e C.R. 34enne romano), ritenuti responsabili del tentato omicidio ai danni di Ascani, avvenuto il 20 Aprile scorso in via Antonio Forni di Ostia, nei pressi di un supermercato, dove fu colpito ad entrambe le gambe da alcuni colpi di pistola.

Ostia: tentato omicidio del cognato di Roberto Spada 2

Dalle indagini dei Carabinieri del Nucleo Investigativo di Ostia e della DDA di Roma, è stato altresì acclarato come tale azione, tesa a rimarcare la supremazia dell’organizzazione criminale a cui appartengono gli esecutori, in opposizione al Clan Spada, vada a collocarsi nelle dinamiche di “riposizionamento” dei gruppi malavitosi lidensi sullo “scacchiere criminale” di Ostia.

A tal proposito si evidenzia che la vittima, Paolo Ascani, è il cognato di Roberto Spada ( attualmente recluso in regime di 41 bis presso il carcere di Tolmezzo, a seguito dell’operazione denominata “Eclissi”) mentre gli esecutori del tentato omicidio sono ritenuti contigui ad un gruppo criminale emergente sul territorio, derivante dalla Camorra napoletana e da tempo insediato nel quadrante Est della Capitale.

Il mandante dell’agguato, infatti, identificato nel pregiudicato quarantaseienne F.G., è cognato di Angelo Senese, fratello del boss detenuto Michele Senese detto “O’ Pazzo”.

Non è la prima volta che questa porzione di territorio è teatro di violenti scontri tra opposte fazioni; infatti nell’ottobre del 2015, proprio nei pressi dello stesso supermercato, si è consumato un altro regolamento di conti che ha visto soccombere Massimo Cardoni, noto malvivente appartenente alla famiglia dei “Baficchio”, raggiunto alle gambe da alcuni colpi d’arma da fuoco esplosi da appartenenti alla famiglia degli Spada.

Potrebbe interessarti anche: Ostia: Confiscato dalla Guardia di Finanza il patrimonio milionario del clan degli Spada

Potrebbero interessarti