Litorale: in crisi gli operatori del settore alberghiero

Settore Alberghiero: gli operatori non hanno ricevuto il fondo di integrazione. L’Inps sta ancora lavorando le richieste ricevute quasi tre mesi fa
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su pinterest
Condividi su email
Loading the player...

La crisi del turismo ha travolto anche il settore alberghiero e i lavoratori, a causa delle lungaggini burocratiche, sono da mesi senza stipendio.

Le aziende turistico-ricettive sono praticamente ferme da mesi e, come accade per le mense scolastiche, (leggi qui la notizia) i lavoratori sono ancora in attesa del fondo di integrazione salariale, che equivale alla cassa integrazione.  Tra Ostia e Fiumicino centinaia di famiglie si trovano  ormai in uno stato di prostrazione.

Settore alberghiero in crisi. I lavoratori: « siamo da mesi senza stipendio a causa dei ritardi dell’Inps»

«Sono 3 mesi, dal 3 marzo, che siamo in cassa integrazione – denunciano i lavoratori –  la nostra categoria ha tutte le richieste bloccate in attesa di approvazione. Questo non ci permette di richiedere alle nostre banche un anticipo della cassa integrazione che nel frattempo è terminata. Non si capisce bene il motivo, le pratiche sono ferme e non si sa bene quando si sbloccheranno – continuano – inoltre, la sede territoriale dell’Inps continua a fare il solito orario e con tutta probabilità le pratiche rimangono indietro.»

Il crollo delle prenotazioni e la nuova regolamentazione per riprendere l’attività, potrebbe indurre molti albergatori a rimanere chiusi. Per vedere un primo cenno di ripresa del settore, probabilmente, sarà necessario attendere l’inizio del 2021.

 

 

 

 

Potrebbero interessarti