Scuole Decimo Municipio, Sinistra Italiana: “Urgente un tavolo per riorganizzare l’anno scolastico”

Nel Decimo Municipio ci sono molte scuole di recente realizzazione – mai effettivamente utilizzate – che potrebbero tornare utili per il prossimo anno scolastico.
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su pinterest
Condividi su email

Nel Decimo Municipio ci sono molte scuole di recente realizzazione – mai effettivamente utilizzate – che potrebbero tornare utili per il prossimo anno scolastico.

Scuole Decimo Municipio: settimane decisive per la riorganizzazione dell’anno scolastico

Le prossime settimane saranno decisive per organizzare l’anno scolastico e Sinistra Italiana chiede la convocazione urgente di un tavolo tecnico tra Comune di Roma e Decimo Municipio.

scuole

“La convivenza con il Coronavirus imporrà un’importante riorganizzazione degli spazi, degli orari e delle attività – avverte Marco Possanzini – ai sindaci sono stati conferiti poteri speciali in materia di edilizia scolastica, così da favorire un rapido adeguamento delle strutture.

E’ necessaria una mappatura delle aree a disposizione per effettuare la didattica in presenza in tutta sicurezza: in tal senso, esistono plessi realizzati e mai attivati che al momento rappresentano uno spreco di risorse pubbliche inaccettabile e incomprensibile”.

scuole

Il riferimento è alla materna di Via Della Maggiorana, a Casaletto Di Giano e a quelle di Via Orazio Amato e Via Cesare Maccari, ad Acilia: tutte scuole pronte da anni che potrebbero aprire già a settembre con l’impegno di pochissime risorse.

“Nel popoloso quartiere dell’Infernetto – aggiunge Possanzini – ci sono poi i locali inutilizzati dell’ex-chiesa di San Tommaso. Per questo, organizzeremo un incontro pubblico con il sottosegretario all’istruzione Peppe De Cristofaro”.

 

Ti può interessare anche Dragona: l’odissea di Aldo, non vedente, per prendere i mezzi pubblici post lockdown

Dragona: l’odissea di Aldo, non vedente, per prendere i mezzi pubblici post lockdown

Potrebbero interessarti