Rotonda e Fontana dello Zodiaco, tempi lunghi e altri soldi

Il Campidoglio mette in bilancio altri 120mila euro per completare il restauro della Rotonda nel prossimo anno. L’affaccio sul mare chiuso da quasi cinque anni
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su pinterest
Condividi su email

Divieto di sosta sul lato mare della Rotonda rinnovato fino al 19 dicembre e fondi per il completamento dei lavori previsti per il 2021. A Ostia la Fontana dello Zodiaco aumenta i costi e continua a restare interdetta al pubblico.

Non sarà completata prima della Primavera del prossimo anno la ristrutturazione della Rotonda. Sono queste le previsioni che arrivano dall’amministrazione capitolina che ha dovuto stanziare ulteriori 120mila euro per consentire il completamento del restauro.

Non sono bastati, dunque, i 535mila euro stanziati originariamente dal Campidoglio per restituire la Rotonda con la sua Fontana dello Zodiaco ai romani. E non sono bastati neanche i tempi previsti. Partito a metà gennaio di quest’anno, nonostante una specifica conferenza stampa tenutasi in X Municipio il 29 marzo 2019 ne prevedesse per quella data (gennaio 2020) addirittura la finita esecuzione, il cantiere dovrà proseguire ancora.

Rotonda e Fontana dello Zodiaco, tempi lunghi e altri soldi 1
Il divieto antistante il cantiere con l’indicazione del passaggio pedonale

E’ il senso del rinnovo del divieto di sosta prorogato da una specifica determina dirigenziale emessa dal comandante della Polizia locale gruppo X Mare, Emanuele Stangoni.  Nel suo atto il dirigente fissa il divieto fino al 19 dicembre ma è convincimento degli uffici che i lavori proseguiranno per diversi altri mesi.

D’altra parte non si spiegherebbe altrimenti lo stanziamento deciso il 30 settembre scorso dal Campidoglio con l’assestamento di bilancio che attribuisce al cantiere altri 120mila euro necessari per finire i lavori.

La Rotonda Cistoforo Colombo con la sua celebra Fontana dello Zodiaco sono recintate e chiuse al pubblico dal 24 marzo 2016.

Potrebbero interessarti