Le ricerche di Piero Giorgi: il cane molecolare fiuta una traccia

Il cane molecolare impiegato nelle ricerche di Piero Giorgi ha fiutato una traccia che da Axa-Malafede porta ad Acilia
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su pinterest
Condividi su email

Potrebbe rivelarsi determinante la traccia che il cane molecolare ha individuato nelle operazioni di ricerca di Piero Giorgi, l’uomo di 67 anni scomparso misteriosamente sabato 24 ottobre (leggi qui). Gli odori dello scomparso portano alla fermata di un bus in via Francesco Menzio, una linea Atac che ha il capolinea nei pressi della stazione di Acilia.

E’ stato un momento importantissimo nelle ricerche di Piero Giorgi quando nella mattinata e anche durante il primo pomeriggio il cane molecolare impiegato dalla Protezione civile ha fiutato una pista. Secondo l’istruttore che conduce l’animale, la pista degli odori è lungo il tracciato che va da casa dell’uomo fino alla fermata della linea bus 016 di via Francesco Menzio.

Le ricerche di Piero Giorgi: il cane molecolare fiuta una traccia 1
Il cane molecolare fiuta gli odori di Piero Giorgi alla fermata dello 016 di via Menzio

Gli investigatori, così, hanno spostato le loro attenzioni al tracciato della linea 016 che ha nella zona della stazione Acilia, dove il bus fa capolinea. Ricerche anche nelle campagne di via dei Monti di San Paolo.

Abbandonata definitivamente la pista dell’edicola di piazza Eschilo (le immagini video non avevano trovato riscontro) la certezza dell’ultimo avvistamento si è spostata all’ora di pranzo di sabato 24 ottobre: Piero Giorgi avrebbe pasteggiato prezzo la pizzeria a taglio del centro commerciale le Arcade di Casal Bernocchi.

Le ricerche di Piero Giorgi: il cane molecolare fiuta una traccia 2
L’ultimo avvistamento di Piero Giorgi: a filmarlo è la telecamera di videosorveglianza del centro commerciale Arcade

IL COMMOVENTE MESSAGGIO DELLA FIGLIA

La figlia di Piero, intanto, ha lanciato un commovente messaggio diretto al padre attraverso i social. Sul suo profilo facebook la donna ha pubblicato questo accorato appello

Ciao papà,

se senti freddo e non riesci a muoverti chi ti copre papà?

Io sto impazzendo lo sai si?

Perché non ti ho parlato di tante cose, perché ultimamente presa dai bambini mi vedevi poco e sempre indaffarata, perché prima che sparissi mi hai chiesto di sistemarti i capelli e io non ho potuto farlo.

Se strilli forte forse ti sento, provaci papà, perché non può finire tutto così! Provaci perché mamma sta morendo ogni istante che passa, Thomas ti cerca, Gianluca non dorme più . E nonna se fosse ancora qui sarebbe scomparsa insieme a te.

Io devo parlarti, ti devo spiegare, perché anche se non capirai mai abbastanza ciò che devo dirti, non posso pensare di non poterlo fare mai più.

Allora strilla papà che io vengo a prenderti.

Cani molecolari e analisi della videosorveglianza stradale, Piero non si trova

Potrebbero interessarti