Tra sacrifici e rinunce: il rapporto tra nonni e nipoti al tempo del Covid

Una nonna di Acilia ci racconta dei sacrifici e delle rinunce che ha dovuto fare e che sta facendo a causa del Covid.
nonni
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su pinterest
Condividi su email

Una nonna di Acilia ci racconta dei sacrifici e delle rinunce che ha dovuto fare e che sta facendo a causa del Covid. Dalle sue parole emerge uno spaccato interessante per comprendere meglio il rapporto nonni-nipoti in questo periodo di pandemia.

Covid: il rapporto nonni-nipoti raccontato da una nonna di Acilia

Si è fatto in questi mesi un gran parlare dei rapporti tra nonni e nipoti. Si è chiesto un sacrificio enorme, che solo i nonni possono capire, quello di star distanti dai loro nipoti.

“D’accordo con mio marito, ho deciso di stare io accanto ai miei nipoti. – spiega una nonna di Acilia – Grazie a Dio sono una nonna giovane, ho 64 anni, e ho potuto farlo. Però questa difficile scelta ha comportato il dover vivere da ‘separati in casa’ con mio marito: dormiamo, infatti, in letti separati e non mangiamo insieme”.

Iniziano poi le scuole e questo, per molte famiglie, quando si verificano casi di positività, diventa un calvario.

“Un calvario sicuramente per la mia nipotina, ma in generale di tutta la famiglia. – prosegue – Dal momento della scoperta della positività dell’insegnante di sostegno, siamo stati tutti rigorosamente chiusi in casa prima di effettuare il tampone, il cui esito, tra l’altro, è arrivato solo su nostra sollecitazione due giorni dopo di quando era stato refertato. Prendiamo quindi consapevolezza e responsabilità nel non uscire a fronte di un rischio di positività, ma poi, di fatto, la risposta è stata, appunto, un tampone arrivato in ritardo e per di più su nostra richiesta.

La bambina è poi risultata negativa, ma per tornare a scuola era necessario un secondo tampone. Per non trovare fila è andata con il papà al drive-in di Casalbernocchi alle 6.30 del mattino, trovando davanti a sè 80 macchine…”

L’intervista integrale a questa nonna andrà in onda in uno speciale su Canale 10.

Servizio di Mara Azzarelli

Leggi anche Venerdì 30 ottobre i funerali di Pino Scaccia. Il commiato degli amici

Venerdì 30 ottobre i funerali di Pino Scaccia. Il commiato degli amici

Potrebbero interessarti