La pista ciclabile di Ostia continua a far discutere

La pista ciclabile di Ostia fa sempre discutere. I conducenti scambiano i parcheggi per incolonnamenti e il pericolo incidenti è spesso in agguato. Il servizio di Francesco Ferraro
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su pinterest
Condividi su email

“La nuova pista ciclabile continua a provocare disagi alla circolazione”. È quanto affermano i residenti di Ostia che segnalano in alcuni tratti del Lungomare incolonnamenti delle auto dietro i parcheggi, con conseguente pericolo di incidenti.

La pista ciclabile di Ostia continua a far discutere

«Quello che diciamo facciamo, avevamo detto che il Lungomare di Ostia sarebbe diventato ciclabile e quindi superate burocrazie italiche inevitabili si parte con i lavori

Erano i primi di agosto quando Virginia Raggi pronunciava queste parole in occasione dell’avvio dei lavori per la nuova pista ciclabile di Ostia. Probabilmente in quel momento la sindaca non immaginava tutta la scia di polemiche che sarebbero scoppiate di lì a poco per i disagi riscontrati dalla cittadinanza proprio a causa di quest’opera.

Ebbene, le polemiche non sono finite e riguardano ancora i parcheggi sul Lungomare, che oltre a restringere la carreggiata provocando rallentamenti al traffico, in alcuni tratti ingannerebbero gli automobilisti che si mettono in coda dietro gli stalli con il rischio di essere tamponati.

«Questa delibera è stata rivisitata e a fatto sì che, a seguito di alcune consultazioni tra l’amministrazione e le associazioni di categoria, non con i cittadini, hanno trovato un compromesso per mantenere alcuni parcheggi nella zona – lamenta Paolo Bonucci presidente Coordinamento cittadino Ciclopedonalità Lungomare Ostia –  rimettere i parcheggi lì ha però creato dei problemi, tra questi una pista ciclabile più stretta, parcheggi al limite del regolamento e una corsia stradale più stretta. Non ci sono segnali.»

Alla luce di queste continue problematiche, viene da chiedersi se effettivamente la mobilità sostenibile invocata a più riprese dalla sindaca Raggi, non sia invece una chimera nella Capitale e in particolare ad Ostia. E pensare che per evitare di macchiare quanto di buono invece è stato fatto verso le politiche green, basterebbe puntare lo sguardo un po’ più in là, per capire che alle strisce dipinte sull’asfalto e agli accordi con le grandi multinazionali per l’arrivo dei monopattini elettrici, andrebbe affiancato molto altro ancora.

Nel servizio di Francesco Ferraro le interviste a Paolo Bonucci presidente Coordinamento cittadino Ciclopedonalità Lungomare Ostia e ai residenti.

 

Leggi anche: Parco della Madonnetta: il Comune pubblica l’avviso per il recupero dell’area

Parco della Madonnetta: il Comune pubblica l’avviso per il recupero dell’area

Potrebbero interessarti