Il Piano Freddo è in ritardo? Sinistra Italiana: «Deve partire il prima possibile»

Decimo Municipio: l’amministrazione non ha ancora annunciato le date di avvio del piano freddo. Si temono ritardi come lo scorso anno. Il Municipio rassicura, il piano partirà
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su pinterest
Condividi su email

Decimo Municipio, Piano Freddo 2020: con il calo delle temperature torna l’emergenza freddo per i senzatetto. Alla voce delle associazioni del territorio che già da tempo chiedono all’amministrazione dettagli sulle date di avvio del piano (leggi qui) si aggiunge quella di  Sinistra Italiana del Decimo Municipio che sollecita la partenza immediata. L’Assessore Paoletti rassicura, il piano partirà.

Il Piano Freddo è in ritardo? Sinistra Italiana X Municipio: «Il piano deve partire il prima possibile»

L’amministrazione del Decimo Municipio non ha ancora annunciato le date di avvio del piano freddo 2020. Si temono ritardi come lo scorso anno quando il piano, approvato a ottobre, partì dopo Natale (qui la notizia)

«Siamo in campagna elettorale e i “gamberetti” devono dar fuoco alle polveri al punto che nessuno si sta occupando del “piano freddo” e dell’emergenza sanitaria in corso – denuncia Marco Possanzini, Segretario di Sinistra Italiana X Municipio –  il mondo sta affrontando la pandemia causata dal covid-19, siamo ad un passo dal “lockdown”, ma per il M5S ciò che conta, ciò che è importante, è deliberare per consentire i mercatini al Pontile e gli spettacoli itineranti a Piazzale Magellano. Nessuno, dal Municipio parla del “piano freddo” nonostante siamo a novembre così come tutti sembra abbiano dimenticato l’emergenza sanitaria in corso e le conseguenze della stessa.»

« Il piano freddo deve essere portato in aula il prima possibile aggiunge Possanzini – l’autunno è iniziato e non possiamo sempre correre ai ripari, lo scorso anno è partito dopo Natale e questo non è accettabile, dobbiamo assolutamente anticipare. Siamo in piena emergenza sanitaria le persone che vivono in strada hanno bisogno di assistenza.  Non dimentichiamoci che molti di loro sono a rischio contagio, non hanno i dispositivi di protezione, se positivi al Covid devono poter avere un posto per  stare in quarantena, devono essere ricoverate, accolte e tenute sotto osservazione, sono necessari tamponi e controlli.»

« Lo scorso 3 novembre abbiamo partecipato a un tavolo municipale sulla questione di Piazzale Mediterraneo e abbiamo chiesto all’assessore Paoletti di darci spiegazioni in merito al Piano Freddo. Ci ha risposto che sono stati predisposti gli atti per poterlo attivare ma di date non se ne parla

Il Piano Freddo è in ritardo? Paoletti: «nessun ritardo. Il piano partirà, i fondi ci sono, stiamo individuando la struttura idonea»

Sulla questione abbiamo chiesto maggiori informazioni all’assessore alle politiche sociali ed educative del Decimo Municipio Germana Paoletti.

«Le mia Direttiva sul piano freddo è passata in Giunta già da dieci giorni – ha spiegato Paoletti –  stiamo cercando una soluzione corretta amministrativamente. Stiamo lavorando per cercare una struttura idonea, quella di Piazza Capelvenere teoricamente non potrà essere utilizzata e stiamo individuando gli spazi sul territorio, non vogliamo assolutamente tornare alle tende per accogliere le persone con fragilità. Voglio chiarire che non è un problema i fondi – sottolinea l’Assessore –  i soldi ci sono e ne sono previsti di aggiuntivi per l’emergenza covid. Per il 2021, da destinare al piano feddo, abbiamo a disposizione circa 50 mila. Ovviamente , come ho sempre fatto dal mio insediamento, proverò a utilizzare fondi residui per attivare il servizio prima, ma a livello amministrativo non sono i fondi il problema ma più il luogo idoneo.  Tra qualche giorno convocherò gli enti del territorio e le associazioni di volontariato per raccogliere osservazioni, contributi e per informarli su come stiamo procedendo.»

 

redazione@canaledieci.it

Leggi anche: Ostia, il covid-19 blocca l’apertura di Tor San Michele

Ostia, il covid-19 blocca l’apertura di Tor San Michele