Ostia, passeggiata sotto al sole tra rifiuti non ritirati da 10 giorni

Spettacolo indecente sul lungomare. I ristoratori: “Gli operatori non ritirano i rifiuti da 10 giorni e se li gettiamo nei cassonetti siamo sanzionati”
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su pinterest
Condividi su email

Passeggiata tra rifiuti ammucchiati e olezzo insopportabile. Gli operatori ecologici al servizio dei ristoranti non ritirando l’immondizia da una decina di giorni ed il risultato è che il lungomare ed il Centro storico pullulano si sacchi dell’immondizia.

Una bellissima giornata assolata ha regalato ai romani la possibilità di una passeggiata sul lungomare e al centro di Ostia. Peccato che l’occasione è stata guastata da uno spettacolo indecente e da una puzza insopportabile: da almeno una decina di giorni la cooperativa appaltatrice dall’Ama, non ritira i rifiuti prodotti dai ristoratori.

E’ allucinante – osserva un ristoratore – Abbiamo protestato e c’è più di qualche collega che manda ogni giorno una pec per sollecitare il ritiro. Non c’è niente da fare. Eppure è un servizio che paghiamo profumatamente”. A restare a terra sono gli imballaggi (spesso usati per pesce e frutti di mare) e tutta l’indifferenziata.

Ostia, passeggiata sotto al sole tra rifiuti non ritirati da 10 giorni 1
Cumuli di rifiuti in piazzale dei Ravennati: sullo sfondo il Pontile

E c’è anche il risvolto della medaglia: ai ristoratori è vietato scaricare i loro rifiuti nei cassonetti.Un mio dipendente – racconta il gestore di un locale al Centro di Ostia – lo scorso anno è stato multato dalla Polizia locale perché stava scaricando delle bottiglie di vetro nella campana. A questo punto, vorremmo sapere che ne dobbiamo fare dei rifiuti”.

L’Ama si dichiara incompetente riguardo al disservizio, visto che è stato appaltato. E dall’amministrazione locale non arriva nessun cenno di interesse. Eppure proprio in questi giorni stanno arrivando le bollette della tassa dei rifiuti da pagare all’azienda che dovrebbe garantire l’erogazione del servizio.

Potrebbero interessarti