Ostia, disperato e senza lavoro tenta il suicidio: salvato

Un uomo ha tentato il suicidio: salvato in extremis mentre stava per buttarsi dal cavalcavia sopra la via del Mare, all’altezza della Stazione Lido Nord
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su pinterest
Condividi su email
Loading the player...

Ostia: un uomo, disperato per la mancanza di lavoro, ha tentato ieri il suicidio: salvato in extremis grazie all’intervento di un passante, un finanziere fuori servizio, che ha deciso di non voltarsi dall’altra parte. La tragedia stava per consumarsi sul cavalcavia pedonale sulla via del Mare, all’altezza della Stazione Lido Nord.

Ostia, un uomo disperato tenta il suicidio: salvato grazie all’intervento di un passante

Momenti di grande tensione ieri pomeriggio a Ostia: erano circa le 16.45 quando un uomo è salito sul parapetto del ponte pedonale della Stazione Lido-Nord, minacciando di buttarsi. Sul posto sono accorsi i carabinieri e i Vigili del Fuoco.

Nonostante la trattativa in corso con uno dei militari, l’aspirante suicida non sembrava cambiare idea. Ed è a quel punto che un finanziere in congedo è entrato in azione.

Mentre i carabinieri continuavano a parlargli, distraendolo, il finanziere è salito sul cavalcavia con l’ascensore e lo ha afferrato con forza da dietro le spalle, riuscendo così a metterlo in salvo. L’uomo è stato poi trasportato all’ospedale Grassi.

Sono orgoglioso di aver salvato una vita umana – commenta Giuseppe Catania – questa persona ha problemi seri in famiglia ed economici e così ha pensato di suicidarsi.  Spero solo che ora si faccia qualcosa per aiutarlo”.

“Sono intervenuto avvicinandomi di nascosto da dietro, dicendo ai carabinieri di continuare a farlo parlare… E così l’ho afferrato con forza e l’ho tirato a me. La vita è sacra. Spero che ora qualcuno faccia qualcosa per questa famiglia”, racconta il salvatore.

Ho fatto quello che chiunque dovrebbe fare quando si vede qualcuno in difficoltà. Invece vedo molta indifferenza in giro, soprattutto quando qualche ragazza o ragazzo viene aggredito”, conclude Catania.

 

Leggi anche: Riapertura scuole: i pendolari lanciano l’allarme assembramenti sui treni

Riapertura scuole: i pendolari lanciano l’allarme assembramenti sui treni

Potrebbero interessarti