Ostia: “Le strade sono più pulite”, sottolineano stupiti i cittadini

Intanto fino a nuove disposizioni, il centro di raccolta Ama in Piazza Giovanni Battista Bottero, ad Ostia, rimane chiuso al pubblico
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su pinterest
Condividi su email

Mentre il centro di raccolta Ama in Piazza Giovanni Battista Bottero è ancora chiuso, dando un pretesto agli incivili per lasciare rifiuti ingombranti davanti alla sede, molti cittadini sottolineano come in questo periodo le strade di Ostia siano più pulite.

Ostia: ancora chiuso il centro di raccolta Ama in Piazza G. B. Bottero

Almeno fino a nuove disposizioni, il centro di raccolta Ama in Piazza Giovanni Battista Bottero, ad Ostia, è chiuso al pubblico e gli incivili, non sapendo dove lasciare i rifiuti ingombranti, hanno ben pensato di abbandonarli direttamente davanti alla sede, oppure vicino e all’interno dei cassonetti stradali.

“Penso che potrebbero riaprirlo.  – commenta una residente – Entriamo buttiamo le cose e andiamo via, non si crea assembramento. Secondo me così non ha senso. Visto che è chiusa non vengo certo a buttarla nè davanti ai cassonetti nè per strada. Me la tengo, e anche se non lo trovo giusto, quando riapriranno verrò a conferirla“.

ostia

Sono rimasta sorpresa sinceramente, credevo fosse aperto.  – afferma un’altra residente – Non so come si sono organizzati, immagino che il 4 maggio quando riapriranno molte attività dell’edilizia, lo farà anche il centro di raccolta. Comunque la situazione della spazzatura, per lo meno nella zona di Ostia Levante, è ottima”.

Ostia più pulita: “Ama sta lavorando bene”

Effettivamente non è l’unica persona a farci notare che i cassonetti sono quasi sempre vuoti e che, in generale, Ostia sembra più pulita. Purtroppo però ci sono zone dove questo discorso non vale, ma la colpa è senza dubbio di chi abbandona i rifiuti nei pressi dei raccoglitori: sacchi pieni di indifferenziata, mobili, materassi e divani compresi…

E’ una situazione che si ripete tutti i giorni – aggiunge un cittadino – perchè vengono a ripulire, ma domani siamo punto e a capo un’altra volta. E’ una negligenza umana, purtroppo non possiamo dare colpa all’Ama, sono gli utenti di questa zona. Anche se riaprirà il centro questa è un’anomalia che persisterà fin quando vive certa gente. Una volta ho avuto un problema con l’Ama, ho chiamato il numero dedicato per risolverlo e mi hanno fatto diverse domande e chiesto svariati documenti per venire a prendere determinate cose… insomma un processo all’intenzione”. 

Incivili a parte, anche lui sottolinea come la zona sia decisamente tenuta meglio.

“Le cose, per quanto riguarda la gestione dei rifiuti – stanno funzionando bene. Non so se è questo Coronavirus che ci permette tutto ciò, ma i cassonetti sono sempre quasi vuoti“. – conclude.

Ti può interessare anche “Infernetto: gli incivili tornano a scaricare rifiuti in Via della Cacciuta

Potrebbero interessarti