Ostia: sostituita la caldaia delle case popolari di Viale Vasco De Gama

Dopo oltre tre mesi di gelo finalmente sono tornati i riscaldamenti nelle case delle 230 famiglie di Ostia
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su pinterest
Condividi su email

Si può dire che ad Ostia sia ufficialmente iniziata la campagna elettorale, visto che anche la sostituzione di una caldaia diventa terreno di schermaglie politiche: finalmente, le 230 famiglie che alloggiano nelle palazzine popolari di Viale Vasco De Gama – al freddo da oltre tre mesi – hanno ottenuto il ripristino degli impianti.

Sostituita la caldaia delle palazzine popolari di Viale Vasco De Gama

“Abbiamo fatto solo il nostro dovere” – ha esordito il consigliere capitolino della Lega Davide Bordoni facendo riferimento alla recente visita di Matteo Salvini, che a suo parere avrebbe avuto il merito di “Far smuovere il comune”.

“Solo inutili interferenze – ha replicato Paolo Ferrara, del movimento Cinque Stelle – I tempi sono stati più lunghi, ma le procedure erano state avviate per tempo.”

Nella polemica si inserisce anche Fratelli d’Italia, con Rachele Mussolini: “Nei mesi scorsi abbiamo fatto un sopralluogo – precisa – iniziando una lunga battaglia a fianco degli inquilini a colpi di atti amministrativi”. Insomma, tutti si contendono i meriti dell’iniziativa, mentre i cittadini non sentono certo di dover ringraziare per un intervento doveroso, che è stato atteso fin troppo.

Matteo Salvini a Ostia Ponente

Un imponente schieramento di uomini delle forze dell’ordine. Poi le foto, i selfie e i cori di benvenuto dei residenti: Salvini arriva a Ostia Ponente per una visita a sorpresa e l’accoglienza sembra essere quella delle star del rock. Il senatore, accompagnato dai suoi due consiglieri Picca a Mantuano, ha chiesto di vedere con i suoi occhi le condizioni dei palazzi comunali di Ostia: cornicioni che crollano, perdite d’acqua, balaustre pericolanti. Salvini non risparmia, come già successo l’altro giorno a Torvaianica, una stoccata alla sindaca Raggi: chiaro bersaglio di quest’anticipo di campagna elettorale romana. L’unica contestazione al senatore è stata quella di alcuni consiglieri 5 stelle che hanno srotolato uno striscione con la scritta “Torna al Papete