Ostia piange la morte di Orlando Galimberti

E’ deceduto ieri in un violento tamponamento a catena sul viadotto dell’Aeroporto, nel quale sono rimaste coinvolte cinque auto
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su pinterest
Condividi su email
Loading the player...

Ostia piange la scomparsa di Orlando Galimberti, deceduto ieri in un violento tamponamento a catena sul viadotto dell’Aeroporto, nel quale sono rimaste coinvolte cinque auto. Inutile l’intervento dell’eliambulanza: il 65enne è morto sul colpo, mentre la moglie è stata trasportata in ospedale per essere sottoposta a un delicato intervento chirurgico. Coordinatore del circolo Pd di Ostia Centro, Galimberti ha speso la sua vita dividendosi tra la politica e lo sport, passioni vissute intensamente insieme a una lunga carriera professionale culminata nel ruolo di project manager all’interno dell’Alenia spazio.

Orlando Galimberti: da lui nacque l’idea della Festa dello Sport

Nel 1993, da una sua idea, nacque la “Festa dello sport”, riservata soprattutto a quelle realtà considerate minori che per le loro attività utilizzavano i centri municipali. L’aggregazione di queste società diede vita, nello stesso anno, al comitato “Insieme per lo sport”, di cui Galimberti era presidente e che per 25 anni, ha portato avanti l’organizzazione della festa, una vera e propria tradizione per il territorio, legata indissolubilmente alla giornata del 25 aprile.

Orlando Galimberti: il ricordo del sindaco di Fiumicino

Profondo cordoglio è stato espresso dal sindaco di Fiumicino Esterino Montino: “Orlando era una persona a cui mi legava un rapporto di grande stima e affetto – ha dichiarato – una persona laboriosa, appassionata, molto attiva, che amava profondamente il suo territorio”.

Orlando Galimberti: il cordoglio della presidente del Decimo Municipio

“In questo momento sono molto vicina alla famiglia e al loro dolore”, ha aggiunto la presidente del Decimo Municipio Giuliana di Pillo. Galimberti lascia la moglie Carla, al suo fianco da sempre, e le figlie Sara ed Elena. Quest’ultima lo aveva reso nonno, un ruolo al quale si era dedicato, oltre che con affetto, con la determinazione e la passione che hanno sempre caratterizzato la sua vita.

Potrebbero interessarti