Ostia: ancora crolli di intonaco e pezzi di cortina nelle case popolari di Via Picchio

Gli inquilini delle case popolari di via Enea Picchio, ad Ostia, tornano a protestare per le condizioni in cui versano le palazzine
ostia
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su pinterest
Condividi su email

Gli inquilini delle case popolari di via Enea Picchio, ad Ostia, tornano a protestare per le condizioni in cui versano le palazzine. Molti di loro sono costretti a rimanere chiusi in casa, senza poter uscire in balcone o in giardino, per la paura che da un momento all’altro piovano intonaci, ringhiere o pezzi di cortina.

Ostia: sono ancora pessime le condizioni delle palazzine popolari di Via Enea Picchio

Nei giorni della quarantena, c’è chi è costretto a rimanere chiuso in casa, senza nemmeno poter uscire in balcone o in giardino per una boccata d’aria: sono gli inquilini delle palazzine popolari di Via Enea Picchio, ad Ostia. Dalle facciate degli stabili piovono intonaci, pezzi di cortina e – in molti casi – le barre delle ringhiere.

“Ho paura per le macchine, per le persone che passano qui sotto.  – commenta un’anziana inquilina – Mi hanno sconsigliato di uscire in balcone. Ho paura perchè se casca all’improvviso che faccio?”

ostia

Sui balconi non possiamo uscire perchè le ringhiere vengono giù.  – aggiunge un residente – Le viti sono piccole e tutte arrugginite. Abbiamo dovuto mettere delle fascette per tenere intatte le ringhiere”.

“Devo fare attenzione quando i bambini escono in giardino.  – lamenta un inquilino del piano terra – Qui non si può stare, saremo costretti ad allungare la tettoia. E’ venuta giù l’intera ringhiera e l’intonaco sotto la balconata. Siamo sotto posti ad un pericolo costante“.

“Quello che il l’Amministrazione comunale risponde, – denuncia un condomino – è che l’inquilino dovrebbe andare direttamente a lamentarsi con la proprietà, che fa riferimento alla famosa “Armellini”, ma noi affittiamo dal Comune, non a loro, quindi non spetta a noi rivolgerci alla proprietà. Intanto noi continuiamo a vivere in questa situazione di degrado e abbandono. L’ultimo intervento vero, strutturale, su queste palazzine risale a circa vent’anni fa, ma sono state manutenzioni superficiali perchè è stato trattato soltanto l’esterno delle abitazioni”. – conclude.

ostia

La manutenzione straordinaria di queste palazzine è stata per mesi al centro del contenzioso tra proprietà e Comune di Roma in occasione del rinnovo del contratto di locazione. Evidentemente, le parti devono aver trovato un accomodamento, che però a quanto pare non prevede la ristrutturazione degli immobili, rispetto alla quale tutto tace.

 

Ti può interessare anche “Ostia: ancora disagi per gli inquilini delle case Ater di viale Vasco de Gama”

Potrebbero interessarti